Vanderbilt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Vanderbilt (disambigua).

La Famiglia Vanderbilt è una famiglia internazionale di rilievo, di origini olandesi, che ebbe notevole importanza nel corso del 1800 dovuta al patriarca di famiglia Cornelius Vanderbilt, che creò un impero del trasporto su ferrovia e del trasporto marittimo. I suoi discendenti continuarono a costruire grandi palazzi nella Fifth Avenue, cottage estivi a Newport, Rhode Island, e la famosa Biltmore House e diverse altre abitazioni esclusive. I membri della famiglia sono stati i leader della scena dell'alta società e del Gilded Age, fino al principio del 1900, quando i dieci grandi palazzi della Fifth Avenue furono demoliti e le case furono vendute come musei e simili. Nonostante la caduta della famiglia e le gravi perdite finanziarie, i Vanderbilt rimangono la settima famiglia più ricca nella storia. La famiglia è nota anche come nemesi della famiglia Astor nel passato.

Rami della famiglia si trovano sulla East Coast degli Stati Uniti così come nel Regno Unito. Un attuale discendente nella famiglia è giornalista della CNN Anderson Cooper, figlio di Gloria Vanderbilt e pronipote di Cornelius Vanderbilt II.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'importanza della famiglia cominciò con Cornelius Vanderbilt (1794–1877), il quarto di nove figli di una famiglia di Staten Island di modesti mezzi. Il suo avo Jan Aertszoon o Aertson (1620–1705), era un contadino olandese originario del villaggio De Bilt nella provincia di Utrecht che emigrò nella colonia olandese della Nuova Olanda come Servitù debitoria nel 1650. Il nome del villaggio di Jan fu aggiunto all'olandese "van der" (dal, originario di) per creare "van der Bilt" che divenne Vanderbilt quando gli inglesi conquistarono Nieuw-Amsterdam (l'attuale New York)

Cornelius Vanderbilt abbandonò la scuola all'età di 11 anni e cominciò a costruire un impero marittimo e ferroviario che nel corso del diciannovesimo secolo lo rese uno degli uomini più ricchi del mondo.

La famiglia Vanderbilt possedeva terreni a Corwith Township nel Michigan, che è stata regolata su 1875. Quando la Michigan Central Railroad di proprietà Vanderbilt fu superata nel 1880, fu fondato il villaggio di Vanderbilt nel Michigan. Anche se Cornelius Vanderbilt aveva sempre occupato una casa modesta, i membri della sua famiglia avrebbero usato le loro ricchezze per costruire palazzi magnifici. Poco prima della sua morte, avvenuta nel 1877, Vanderbilt donò 1 milione di dollari per la fondazione della Vanderbilt University di Nashville.

I membri della famiglia dominarono quella che divenne conosciuta come la "Gilded Age", un periodo in cui gli uomini Vanderbilt sono stati i principi mercanti della vita americana attraverso la loro importanza nel mondo degli affari e, come mecenati delle arti di tutto il mondo.

Alcuni dei discendenti di Cornelius Vanderbilt si guadagnarono la fama come imprenditori di successo, mentre molti rilievo conseguiti in altri campi come Alfred Gwynne Vanderbilt (1877-1915), che affondò sul RMS Lusitania. Suo figlio Alfred Jr. divenne un allevatore di cavalli. Harold Stirling Vanderbilt (1884-1970) raggiunse la fama come uno sportivo, vincendo, in tre occasioni, il premio più ambito nelle gare di yacht, l'America's Cup. Suo fratello "Willie K" lanciò la Coppa Vanderbilt per le gare automobilistiche. Cornelius Vanderbilt IV (1898-1974) è diventato uno scrittore compiuto, editore di giornali e produttore cinematografico. Tuttavia, altri fecero scalpore a causa della droga e l'abuso di alcool e matrimoni multipli.

The Breakers, costruita tra il 1892–1895 per Cornelius Vanderbilt II

A Cornelius Vanderbilt fu conferita la medaglia d'oro dal governo degli Stati Uniti durante la Guerra di secessione americana per aver donato il suo piroscafo S.S. Vanderbilt all'Esercito dell'Unione. l'eredità di questa medaglia divenne il simbolo del capo titolare della famiglia Vanderbilt.

Nel 1855, il Commodoro Cornelius Vanderbilt donò 8,5 acri (34.000 m²) di proprietà della Chiesa Morava e il cimitero a New Dorp a Staten Island, New York. Più tardi, suo figlio William Henry Vanderbilt donò un ulteriore 4 acri (16.000 m²). Un complotto fu ordito contro la famiglia Vanderbilt nel cimitero moravo e molti di loro furono sepolto lì nel mausoleo di famiglia tra cui il fondatore della famiglia. Il loro mausoleo fu ridisegnato nel 1885 dall'architetto Richard Morris Hunt.

L'economista contemporaneo John Kenneth Galbraith disse che diverse generazioni di Vanderbilt ha mostrato sia il talento nell'accumulare denaro che nella distribuzione di esso in termini di volume senza pari, aggiungendo che erogarono la loro ricchezza per l'auto-gratificazione e molto spesso lo fecero temerariamente.

A conferma della validità di opinioni di Galbraith fu che solo quarantotto anni dopo la morte di Cornelius Vanderbilt, uno dei suoi diretti discendenti morì senza un soldo. Entro settanta anni dalla sua morte, l'ultimo dei dieci grandi palazzi Vanderbilt sulla Fifth Avenue a New York City fu demolito. Nel 1973, la prima riunione di famiglia Vanderbilt ebbe luogo presso la Vanderbilt University.

L'attuale eredità della famiglia comprende la Vanderbilt University e la Vanderbilt Avenue a Midtown Manhattan, che costeggia il Grand Central Terminal, il nodo ferroviario di New York City costruito dalla famiglia Vanderbilt.

Fortune's Children: La caduta del Casato dei Vanderbilt scritto da lontano cugino, Arthur T. Vanderbilt II, fu pubblicato nel 1989.

Legami Familiari (elencati per ascendenza/generazione)[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Paesi Bassi Portale Paesi Bassi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Paesi Bassi