Le onde del Danubio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le onde del Danubio (in romeno Valurile Dunării; in tedesco Donauwellen) è un celebre valzer di Iosif Ivanovici, pubblicato per la prima volta nel 1880. Il brano ha goduto a lungo di un successo enorme, fin dalla prima esecuzione all'Esposizione universale di Parigi del 1889. In Romania la composizione è anche nota come Barca pe valuri, dal verso iniziale del testo composto da Carol Scrob; negli Stati Uniti è conosciuta come The Anniversary Song, titolo dell'adattamento registrato da Al Jolson e Saul Chaplin nel 1946.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicato nel 1880 dall'editore Constantin Gebauer, con una dedica alla moglie Emma, nel 1886 il valzer ebbe una nuova orchestrazione per opera del compositore francese Émile Waldteufel, e in questa versione fu presentato all'Esposizione universale tre anni più tardi,[1] quando fu scelto per rappresentare l'evento tra 116 brani di celebri autori.[2]

Un testo fu composto dal poeta romeno Carol Scrob, e in seguito modificato in molte varianti, una delle quali, firmata da Aurel Felea, fu portata al successo da Corina Chiriac; lo stesso Felea scrisse anche un'altra nota variante del tutto indipendente dall'originale.[3]

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Oltre al ricordato The Anniversary Song di Jolson e Chaplin (1946), il valzer ha avuto, tra le altre, una versione coreana interpretata da Yun Sim-deok e nota come Salmo della morte (1926),[4] e una yiddish di Chaim Tauber, con arrangiamento di Henry Lefkowitch, intitolata Der Chasene Waltz (1947). Tra gli interpreti si ricordano i cantanti Dinah Shore, Frank Sinatra, Bing Crosby, Rosemary Clooney, Mitch Miller e Andy Williams, il violinista Guy Lombardo, il cantante e sassofonista Tex Beneke, il clarinettista Artie Shaw, il chitarrista Django Reinhardt.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Iosif Ivanovici (1845-1902) in Naxos.com. URL consultato il 4 luglio 2014.
  2. ^ (EN) Iosif Ivanovici (1845-1902) in Johann-Strauss.org.uk. URL consultato il 4 luglio 2014.
  3. ^ (RO) Cântecul preferat. Texte de muzică ușoară in Muzica, Bucarest, Editura muzicală a Uniunii compozitorilor, 1971, p. 6.
  4. ^ (EN) Lee Young Mee, The beginnings of Korean pop, in Korean pop music: riding the wave, Kent, Global Oriental, 2006, p. 3.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]