Expo 1889

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Expo 1889
Francia Parigi
Celebrazione del Centenario della Rivoluzione Francese
Logo
Esposizione Universale
Periodo dal 6 maggio
al 31 ottobre
Partecipanti 35 Paesi
Visitatori 32 milioni
Area 96 ha
Cronologia
Precedente
Expo 1888
Successiva
Expo 1893
Spagna Barcellona Stati Uniti Chicago
 

L'Esposizione universale del 1889 si tenne a Parigi dal 6 maggio al 31 ottobre. La sede era il Campo di Marte, vicino alla Senna. L'evento è ricordato in particolare per la costruzione della Torre Eiffel, posizionata all'entrata della zona espositiva, dopo il Ponte di Iena.

La storia[modifica | modifica wikitesto]

L'esposizione cadeva nel centenario della Rivoluzione francese, della presa della Bastiglia, ma anche nel diciottesimo anniversario della Terza Repubblica. La commissione organizzatrice decise di finanziare l'evento (costata in totale 41,5 milioni di franchi rispetto ai 43 previsti[1]) con fondi statali e cittadini e con l'aiuto della Banking House Crédit Foncier de France, oltre che con una lotteria. Adolphe Alphand fu il direttore generale dei lavori, Charles Garnier - già progettista dell'Opera di Parigi - era consigliere dell'architettura mentre Charles Vigreux si occupò dei servizi meccanici ed elettrici. Questo fu infatti uno dei primi eventi in cui si sperimentò l'uso dell'elettricità su vasta scala come fonte di energia alternativa al vapore.

Le strutture[modifica | modifica wikitesto]

Planimetria del sito espositivo

Oltre alla Torre Eiffel, furono costruite diverse strutture per l'Expo, tra cui il Grand Dôme Central di Joseph Bouvard, dedicato alla esposizione di gioielli, profumi e tessuti, la Galerie des Machines, una ricostruzione della Bastiglia, un giardino zoologico speciale per bipedi e selvaggi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Exposition universelle 1889

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]