Lampada ad arco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il celebre dipinto futurista, vedi Lampada ad arco (Balla).
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il famoso prodotto di disegno industriale opera dei fratelli Castiglioni, vedi Arco (lampada).
Lampada ad arco

La lampada ad arco è un dispositivo di illuminazione basato sull'emissione luminosa di un arco voltaico. Si può considerare una particolare forma della lampada a scarica in aria atmosferica, dove in questo caso avviene una vera e propria scarica elettrica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le prime dimostrazioni di principio si hanno a partire dall'inizio del XIX secolo da parte del chimico Humphry Davy. Queste lampade sono state utilizzate per l'illuminazione pubblica nella seconda metà dell'Ottocento e nei potenti proiettori in uso fino alla seconda guerra mondiale, poi tranne qualche rara eccezione, venne soppiantata dalla lampada a scarica. Attualmente la tecnologia è ritornata in uso, ma con l'ausilio del gas xeno.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lampada allo xeno.

Descrizione e caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La lampada è costituita da due elettrodi, solitamente di carbonio (grafite) che è l'unico materiale con temperatura di fusione superiore a quella del plasma nell'arco. I due elettrodi, tra cui è presente una differenza di potenziale elettrico in corrente continua, vengono inizialmente messi in contatto e successivamente separati per creare l'arco.

L'emissione luminosa è molto intensa e bianca, ma piuttosto instabile e ricca di raggi ultravioletti.

Un problema di questo dispositivo è la continua erosione degli elettrodi, che devono essere continuamente e lentamente avvicinati. La soluzione si ebbe con l'utilizzo di meccanismi ad orologeria che manovrano gli elettrodi.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]