La zampa di scimmia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La zampa di scimmia
Titolo originale The Monkey's Paw
Autore William Wymark Jacobs
1ª ed. originale 1902
Genere racconto
Sottogenere horror
Lingua originale inglese

La zampa di scimmia (titolo originale The Monkey's Paw) è un breve racconto horror scritto da William Wymark Jacobs e pubblicato in Inghilterra nel Settembre del 1902.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il racconto[1] è incentrato su un amuleto magico in grado di esaudire tre desideri: una zampa di scimmia. Il potere dell'amuleto è dovuto ad un incantesimo di un vecchio fachiro che voleva dimostrare che non bisogna cercare di modificare il proprio destino.

I coniugi White, giunti in possesso dell'amuleto, esprimono il loro primo desiderio pur sapendo che il primo padrone dell'amuleto, dopo aver espresso i primi due desideri si era suicidato. La loro richiesta è di ricevere duecento sterline. Il giorno dopo i coniugi ricevono la notizia della tragica morte del figlio. Si tratta di un incidente sul lavoro per cui riceveranno il compenso di duecento sterline. Tentando di porre rimedio al proprio errore i coniugi chiedono che il loro figlio ritorni in vita. Il ragazzo ritorna, ma come zombie. Al signor White non resta altra alternativa che utilizzare l'ultimo desiderio per annullare il secondo.

La zampa di scimmia nella cultura di massa[modifica | modifica sorgente]

  • La scena finale dell''episodio 5x17 di Buffy è chiaramente un omaggio al racconto.
  • Nella serie di light novel chiamata Bakemonogatari, scritte dall'autore giapponese Nisio Isin, l'arco narrativo dedicato a Suruga Kanbaru fa riferimento a La zampa di scimmia.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ William Wymark Jacobs, La zampa di scimmia.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura