Palazzo Reale della Granja de San Ildefonso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da La Granja de San Ildefonso)

Coordinate: 40°53′51″N 4°00′16″W / 40.8975°N 4.004444°W40.8975; -4.004444

Palazzo Reale della Granja
Palacio Real de La Granja
San Ildefonso de la Granja-PM 16642.jpg
La facciata verso i giardini
Ubicazione
Stato Spagna Spagna
Comunità autonoma Flag of Castilla y León.svgCastiglia e León
Località San Ildefonso
Informazioni
Condizioni In uso
Costruzione 1721-39
Stile Barocco
Uso Museo degli Arazzi
Realizzazione
Architetto Filippo Juvarra
Proprietario Patrimonio Nacional
Proprietario storico Re di Spagna
 

Situato nel comune spagnolo di San Ildefonso, il Palazzo Reale della Granja de San Ildefonso, detto "la piccola Versailles", fu fatto costruire nel 1721 dal re Filippo V, ispirandosi al grande palazzo dei reali di Francia.

Storia e descrizione[modifica | modifica sorgente]

Si decise di costruire il nuovo palazzo reale accanto ad un monastero del XV secolo dedicato a San Ildefonso a non molta distanza da Valsain, sito del precedente palazzo distrutto da un incendio ormai da tempo e del quale restano ancora oggi delle rovine. I lavori terminarono nel 1739. Il palazzo di pianta rettangolare la cui facciata è stata disegnata dall'architetto siciliano Filippo Juvarra ha all'interno sale con volte affrescate da diversi artisti, lussuosamente arredate nello stile Impero con specchi e cristalli della Granja, porcellane orientali e di Sèvres e ben 71 orologi funzionanti, oltre a dipinti di artisti spagnoli e italiani come Luca Giordano e Jacopo Bassano.

I giardini del Palazzo Reale

Ospita anche un Museo degli Arazzi con opere di artisti francesi, fiamminghi e spagnoli realizzate nel corso di vari secoli su cartoni di noti pittori. Il complesso è rinomato soprattutto per i grandiosi giardini di tipo francese con viali rettilinei limitati da siepi sempreverdi di lunghezza complessiva di più di 34 km, boschi, statue e fontane i giardini si sviluppano su un declivio naturale della Sierra giungendo fino all'altitudine di 1.325 m, da dove un bacino artificiale (detto "El mar") alimenta le 26 fontane (di cui una ha un getto di 47 m) tutte funzionanti con statue fuse in piombo colorate per sembrare di bronzo a formare gruppi di temi mitologici e una cascata. Normalmente solo poche fontante sono in funzione ma due giorni all'anno, in occasione delle festività di San Ferdinando e di San Luigi vengono attivate tutte insieme offrendo uno spettacolo eccezionale.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]