Jacopo Bassano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Autoritratto in tarda età, olio su tela, Vienna, Kunsthistorisches Museum.

Jacopo da Ponte, detto Jacopo Bassano (Bassano del Grappa, 1510 circa – Bassano del Grappa, 13 febbraio 1592), è stato un pittore italiano della Repubblica di Venezia.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Bassano attorno al 1510 dal pittore Francesco il Vecchio e dalla sua prima moglie Lucia Pizzardini. La sua formazione si svolge prima presso il padre, un modesto artista, capostipite dei Bassano, originario di Gallio, e successivamente a Venezia nella bottega di Bonifacio de' Pitati.

Del 1535 sono le tre tele a soggetto biblico, realizzate per il Palazzo pubblico di Bassano, dove all'influenza del maestro si unisce un'attenta resa del dato naturalistico, risentendo degli influssi di Tiziano e Lorenzo Lotto.

Jacopo Bassano, Ultima cena, 1546 circa, Roma, Galleria Borghese.

Tra il 1535 e il 1540 si avvicina alla plasticità del Pordenone, di questo periodo sono Sansone e i filistei, oggi a Dresda, e l'Adorazione dei Magi, oggi alla Burghley House. Dagli anni quaranta si avvicina alla pittura manieristica, soprattutto a quella di Francesco Salviati, tra il 1540 e il 1550 esegue: Martirio di santa Caterina oggi nel Museo Civico di Bassano, la Decollazione del Battista di Copenaghen, con figure affilate e affusolate inserite in una scena rarefatta, l'Andata al Calvario, dove il paesaggio è ripreso dalle incisioni tedesche, la Natività di Hampton Court e il Riposo durante la fuga in Egitto di Milano.

Nel 1546 sposò Elisabetta Merzari (+ 5 settembre 1601) dalla quale ebbe otto figli: Francesco Alessandro (3 gennaio 1547 - marzo 1547), Francesco Giambattista (7 gennaio 1549 - 2 luglio 1592), Giustina (27 dicembre 1551 - 22 luglio 1558), Giovanni Battista (4 marzo 1553 - 1613), Benedetta Marina (21 marzo 1555), Leandro (10 giugno 1557- 15 aprile 1622), Silvia Giustina (17 aprile 1560) e Girolamo (3 giugno 1566 - 8 novembre 1621). Francesco, Giambattista, Leandro e Girolamo seguiranno le orme paterne e diventeranno pittori. Anche il nipote Jacopo Apollonio divenne pittore alla scuola del nonno.

Tra il 1550 e il 1560 realizza: l'Ultima Cena della Galleria Borghese di Roma dove riprende lo stile luministico del Tintoretto.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Annuncio ai pastori, 1533, olio su tela, Leicestershire, Belvoir Castle.
  • Madonna col Bambino, 1534-1535 circa, olio su tela, Santa Caterina di Lusiana, chiesa parrocchiale.
  • Decorazione freschiva, 1537, affresco, Santa Croce Bigolina, chiesetta di Santa Lucia.
  • Deposizione, (attr. al Da Ponte) 1537-1538, olio su tela, San Luca di Crosara.
  • Decorazione freschiva, 1537-1538, affresco, Cittadella, chiesa parrocchiale.
  • Cena in Emmaus, 1538 circa, olio su tela, 235 × 250 cm, Cittadella, chiesa parrocchiale, sagrestia.
  • Cena in Emmaus, 1538 circa, olio su tela, Fort Worth, Texas, Kimbell Art Museum.
  • Andata al Calvario, 1538-1543 circa, olio su tela, 82 × 118,7 cm, Cambridge, Fitzwilliam Museum.
  • Cristo tra i dottori, 1539 circa, olio su tela, 116 × 174 cm, Oxford, Ashmolean Museum.
  • Salita al Calvario, 1540 circa, olio su tela, 145 × 133 cm, Londra, National Gallery.
  • Ritratto di francescano con un teschio, 1540-1542, olio su tela, 81 × 69 cm, Fort Worth, Texas, Kimbell Art Museum.
  • Madonna col Bambino, 1540-1545 circa, olio su tela, Detroit, Institute of Arts.
  • Adorazione dei Magi, 1542, olio su tela, 183 × 236 cm, Edimburgo, National Gallery of Scotland.
  • Martirio di santa Caterina, 1544, olio su tela, 160 × 139 cm, Bassano del Grappa, Museo Civico.
  • Decollazione del Battista, 1544-1545 circa, olio su tela, 132 × 127 cm, Copenaghen, Statens Museum for Kunst.
  • Adorazione dei pastori, 1544-1545, olio su tela, 139,5 × 219 cm, Hampton Court Palace, Royal Gallery.
  • Fuga in Egitto, 1544-1545 circa, olio su tela, 123 × 196 cm, Pasadena, Norton Simon Museum.
  • Adorazione dei pastori, 1545 circa, olio su tela, 95 × 145 cm, Venezia, Gallerie dell'Accademia.
  • Madonna col Bambino e san Giovannino, 1545 circa, olio su tela, 79 × 60 cm, Firenze, Galleria degli Uffizi.
  • Pesca miracolosa, 1545, olio su tela, 143,5 × 243,7 cm, Washington, National Gallery of Art.
  • Madonna con Bambino e i santi Giacomo Maggiore e Giovanni Battista, 1545-1550, olio su tela, 191 × 134 cm, Monaco, Alte Pinakothek.
  • Noli me tangere, 1546, olio su tela, Onora, Chiesa parrocchiale.
  • Santissima Trinità, 1547, olio su tela, Bassano del Grappa, Chiesa parrocchiale della Ss. Trinità.
  • Due cani, 1548-1549, olio su tela, 61 × 80 cm, Parigi, Musée du Louvre.
  • Ritratto d'uomo barbuto, 1550 circa, olio su tela, 69 × 25 cm, Los Angeles, J. Paul Getty Museum.
  • Salita al Calvario, 1550-1555, olio su tela, 94 × 114 cm, Budapest, Museum of Fine Arts.
  • Adorazione dei pastori, 1553-1554, olio su tela, 76 × 94 cm, Roma, Galleria Borghese.
  • Lazzaro e il ricco Epulone, 1554, olio su tela, 146 × 221 cm, Cleveland, Museum of Art.
  • Animali domestici, 1555 circa, olio su tela, 85 × 126 cm, Firenze, Galleria degli Uffizi.
  • San Gerolamo, 1556, olio su tela, 119 × 154 cm, Venezia, Gallerie dell'Accademia.
  • Adorazione del Bambino e gli angeli con gli strumenti della Passione, 1556-1557, olio su tela, 99,3 × 75,7 cm, Vicenza, Pinacoteca Civica di Palazzo Chiericati.
  • Pecora e agnello, 1560 circa, 30 × 51 cm, olio su tela, Roma, Galleria Borghese
  • Scena pastorale, 1560 circa, olio su tela, 139 × 129 cm, Madrid, Museo Thyssen-Bornemisza.
  • Santa Giustina in Trono, 1560 circa, olio su tela, Enego, Chiesa parrocchiale.
  • Madonna col Bambino e san Giovannino, 1560-1565, olio su tela, 73,7 × 84,5 cm, Chicago, The Art Institute.
  • Adorazione dei Magi, 1563-1564 circa, olio su tela, 92,3 × 117,5 cm, Vienna, Kunsthistorisches Museum.
  • Cacciata dei mercanti dal tempio, 1568-1569 circa, olio su tela, 149 × 233 cm, Madrid, Museo del Prado.
  • Entrata degli animali nell'arca di Noè, 1570, olio su tela, 207 × 265 cm, Madrid, Museo del Prado.
  • Adamo ed Eva nel paradiso dell'Eden, 1570-1573, olio su tela, 77 × 109 cm, Roma, Galleria Doria Pamphilj.
  • Susanna e i vecchioni, 1571, olio su tela, 85 × 125 cm, Nîmes, Musée des Beaux-Arts.
  • Mosè e il roveto ardente, 1572 circa, olio su tela, 95 × 167 cm, Firenze, Galleria degli Uffizi.
  • I rettori di Vicenza inginocchiati di fronte alla Madonna in trono tra i santi Marco e Vincenzo, 1573, olio su tela, 342 × 519 cm, Vicenza, Pinacoteca Civica di Palazzo Chiericati.
  • San Marco in Gloria, 1573, olio su tela, Cassola, Chiesa parrocchiale.
  • San Vigilio in Gloria, 1573, olio su tela, Pove del Grappa, Chiesa parrocchiale.
  • Partenza di Abramo e la sua famiglia per la terra di Canaan, 1573, olio su tela, 162 × 206,5 cm, El Escorial, Monastero de San Lorenzo.
  • Sacrificio di Noè, 1574 circa, olio su tela, Potsdam-Sanssouci, Staatliche Schlösser und Gärten.
  • San Valentino battezza santa Lucilia, 1575 circa, olio su tela, Bassano del Grappa, Museo Civico.
  • La predica di San Paolo 1574, olio su tela, Marostica, Chiesa parrocchiale di Sant'Antonio, eseguito in collaborazione con il figlio Francesco.
  • Decorazione freschiva, 1575, affresco, Cartigliano, Chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda, eseguito in collaborazione con il figlio Francesco.
  • La Madonna in gloria appare a san Rocco e agli appestati, 1575 circa, olio su tela, 350 × 210 cm, Milano, Pinacoteca di Brera.
  • Adorazione dei Magi, 1576-1580, olio su tela, 125 × 140 cm, Roma, Galleria Borghese, in collaborazione con il figlio Leandro.
  • Ritorno di Giacobbe con la sua famiglia, 1580 circa, olio su tela, 150 × 205 cm, Venezia, Palazzo Ducale.
  • Diana e Atteone, 1585-1592, olio su tela, 63,6 × 68,7 cm, Chicago, The Art Institute.
  • Martirio di San Lorenzo, 1590 circa, olio su tela, Poggiana di Riese, Chiesa parrocchiale
  • Battesimo di Cristo, 1590-1592, olio su tela, 192 × 160, New York, Metropolitan Museum of Art (acquisto 2009).
  • Madonna tra San Gregorio Papa e San Pietro chiesa di Quero

Mostre[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 24792862 LCCN: n85042732