L'incredibile avventura di Mr. Holland

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'incredibile avventura di Mr. Holland
L'incredibile avventura di Mr Hоlland.png
Una scena del film
Titolo originale The Lavender Hill Mob
Lingua originale inglese
Paese di produzione Gran Bretagna
Anno 1951
Durata 81 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Charles Crichton
Sceneggiatura T. E. B. Clarke
Produttore Michael Balcon
Fotografia Douglas Slocombe
Montaggio Seth Holt
Musiche Georges Auric, Ivor Mairants
Scenografia William Kellner
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

L'incredibile avventura di Mr. Holland (The Lavender Hill Mob) è un film britannico del 1951, diretto da Charles Crichton, interpretato da Alec Guinness e Stanley Holloway. Nel film fa una breve apparizione in un ruolo minore l'allora sconosciuta Audrey Hepburn.

Il titolo originale del film si riferisce ad una strada di Battersea, quartiere londinese.

Il film vinse un Premio Oscar nel 1953 per la migliore sceneggiatura originale. Alec Guinness ricevette una nomination come miglior attore. La pellicola vinse anche un BAFTA per il miglior film britannico.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Mr. Holland (Alec Guinness) è un timido impiegato di banca a Londra. Per anni ha sorvegliato i carichi d'oro che partivano ed arrivavano in banca. Improvvisamente scopre che gli verrà affidato un nuovo compito.

In una settimana, egli escogita un piano per rapinare il carico settimanale, con l'aiuto di un amico, Pendlebury (Stanley Holloway). Riescono a costringere due piccoli imbroglioni, Lackery Smith (Sid James) e Shorty (Alfie Bass) a farsi aiutare a trasportare il bottino.

L'idea di Mr. Holland è quella di fondere i lingotti trasformandoli in statuine della Torre Eiffel e trasportali, così contraffatti, in Francia. Il piano va in fumo quando una delle statuine viene smarrita e ritrovata dalla polizia. Dopo un inseguimento di macchine per tutta la capitale londinese, Holland riesce a fuggire in Sud America, mentre Pendlebuty viene arrestato.

Nella scena d'apertura del film, come in un flash-forward, era però già stato mostrato l'arresto e l'estradizione di Mr. Holland.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

La Hepburn appare quando il film si sposta a Rio de Janeiro, dopo la fuga di Holland. Guinness rimase molto impressionato nel vedere l'attrice, anche se quest'ultima aveva una singola battuta. "Aveva solo una battuta da dire", disse in seguito Alec Guinness, "e non penso che l'abbia neanche detta in maniera particolarmente interessante. Ma la sua bellezza da fauno e la sua presenza erano notevoli.". Dopo aver girato la scena, Guinness telefonò al suo agente: "Non so se sappia recitare", disse, "ma una vera star del cinema è entrata sul set. Qualcuno dovrebbe metterla sotto contratto prima che se la prendano gli americani"[1]

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Nel 1999 il British Film Institute l'ha inserito al 17º posto della lista dei migliori cento film britannici del XX secolo.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ian Woodward, Audrey Hepburn, Virgin Books, 2006, ISBN 0-86369-741-0.
  2. ^ (EN) The BFI 100. URL consultato il 18 giugno 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema