Ken Livingstone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ken Livingstone
Ken Livingstone - World Economic Forum Annual Meeting Davos 2008 (cropped).jpg

Sindaco di Londra
Durata mandato 4 maggio 2000 –
4 maggio 2008
Predecessore carica istituita
Successore Boris Johnson

Dati generali
Partito politico Laburista
Tendenza politica Socialismo democratico

Kenneth Robert Livingstone (Lambeth, 17 giugno 1945) è un politico britannico, sindaco di Londra dal 2000 al 2008.

Storia politica[modifica | modifica wikitesto]

Nato politicamente nel Partito Laburista britannico, Livingstone ha sempre mantenuto un punto di vista molto orientato a sinistra, e ciò gli ha procurato il soprannome di "Red Ken", Ken il Rosso.

Fu eletto sindaco di Londra la prima volta da indipendente non essendo riuscito a ottenere la nomina dal proprio partito nelle elezioni del 2000. La sua candidatura in contrapposizione al candidato ufficiale laburista comportò la sua sospensione dal partito, ma nel gennaio del 2004 fu riammesso al partito e presentato come candidato ufficiale del Partito Laburista nelle elezioni - poi vinte - del giugno 2004. Si candidò per la terza volta alla carica di sindaco di Londra del 2008 ma fu battuto al ballottaggio dal conservatore Boris Johnson.

Nel 2010 ha ufficialmente annunciato la candidatura a sindaco per le elezioni del 2012.

Il 4 maggio 2012 perde le elezioni amministrative svolte per eleggere il Sindaco di Londra, a vincere la competizione e ad ottenere un secondo mandato consecutivo è il conservatore Boris Johnson[1].

Linea politica[modifica | modifica wikitesto]

La politica del sindaco Ken Livingstone verte su alcune priorità quali ad esempio: la ricerca di nuove prospettive di sviluppo nel settore della mobilità e del trasporto, il tentativo di ridurre l'inquinamento atmosferico disincentivando l'uso dell'automobile e lavorando su campagne di sensibilizzazione per l'uso dei mezzi pubblici.

Alcune soluzioni adottate sono: la creazione di nuove piste ciclabili, l'utilizzo del meccanismo del car sharing per ridurre il numero di auto presenti in città, l'edificazione di parcheggi nelle aree periferiche della città, recuperandoli e restituendoli così alla città. Sono stati inoltre rottamati i mezzi pubblici non a norma con le moderne regole per l'emissione di sostanze inquinanti, sostituiti da altri che rispettano l'ambiente come quelli elettrici o ad idrogeno; è stato diminuito il numero di fermate, ed ha aumentato significativamente le tariffe per l'utilizzo dei mezzi pubblici per alcune fasce di popolazione.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Inghilterra, il Labour vince ma Johnson resta sindaco di Londra - Repubblica.it

Controllo di autorità VIAF: 92246997 LCCN: n84120744