Kegham Parseghian

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Kegham Parseghian, in armeno Գեղամ Բարսեղյան (Costantinopoli, 1883Costantinopoli, 1915), è stato un giornalista, critico letterario e poeta armeno.

Nacque a Costantinopoli dove frequentò la Scuola Pezchyan, continuando la sua formazione, poi, presso la Scuola Centrale. A partire dal 1912 iniziò la collaborazione con varie riviste e attese a numerose pubblicazioni saggistiche e poetiche. Nello stesso anno partì per l'Europa. A Parigi all'incirca per un anno seguì alcuni corsi alla Sorbona, facendo quindi ritorno a Costantinopoli. Qui proseguì l'attività letteraria e giornalistica prima sulle pagine Oshakan Hakob 1914, in un secondo momento da quelle Mehyan, assieme ad autori come Hrand Nazariantz e Gostan Zarian. Nel 1915 fu arrestato a Costantinopoli e lì martirizzato assieme a vari altri scrittori di Mehyan. Le sue opere vennero pubblicate a Parigi nel 1931.