Karlsruher Institut für Technologie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Karlsruher Institut für Technologie
Logo KIT.svg
Stato Germania Germania
Città Karlsruhe
Motto Forschung Lehre Innovation
Fondazione 1º ottobre 2009
Hochschule: 7 ottobre 1825
Forschungszentrum: 1956
Studenti 23,905[1] (2012/2013)
Dipendenti 364[1] - 9,139[1]
Sito web www.kit.edu
 

Il Karlsruher Institut für Technologie (in inglese: Karlsruhe Institute of Technology), abbreviato KIT, è una università del Baden-Württemberg e un centro di ricerca nazionale dell'associazione Helmholtz-Gemeinschaft. È nata dall’unione della Universität Karlsruhe (TH) (ora: Campus Süd) con il Forschungszentrum Karlsruhe (ora: Campus Nord). Si trova nel centro di Karlsruhe (Campus Süd) e nel circondario del Eggenstein-Leopoldshafen nel Landkreis Karlsruhe (Campus Nord) e formano un ente pubblico Körperschaft des öffentlichen Rechts. Attraverso il lavoro comune di entrambi gli enti, ricerca e insegnamento, si rafforza l’innovazione e il trasferimento tecnologico. Una divisione dell’istituto è Instituts für Meteorologie und Klimaforschung che si trova Garmisch-Partenkirchen („Campus Alpin“). Il KIT è socio del TU9 German Institutes of Technology e.V. nel campo dell’eccellenze. Nel 2006 è stato collocato alla prima posizione accanto alla LMU München e TU München per i futuristici concetti sviluppati, e nel 2012 accanto ad altre sei università tedesche, nel gruppo secondo delle „Eliteuniversitäten“.[2] Nella terza fase della graduatoria 2012, due scuole hanno centrato l’obiettivo, ma nessun cluster ha vinto, così il KIT non è risultato tra i primi posti da poter fregiarsi di Eliteuni. Secondo il QS World University Rankings il KIT nel 2011 si posiziona al 147º posto.[3], nell’ambito ingegneristico al 51°[4], risultando essere tra le migliori università in ambito europeo. Secondo il Times Higher Education-Ranking il KIT risulta essere, nel 2012, al 151º posto[5]. Nel 2011, secondo il Performance Ranking of Scientific Papers for World Universities, in base alle pubblicazioni tecnico-scientifiche risultava essere al 1º posto in Germania e al 9° su 10 in Europa.[6]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Storia della Universität Karlsruhe[modifica | modifica sorgente]

La Universität Karlsruhe nel 1967, l'edificio è l'attuale sede della facoltà di Economia

La fondazione del Polytechnikum di Karlsruhe risale al Granduca Ludwig von Baden il 7 ottobre 1825, sull'idea della École Polytechnique di Parigi. Nel 1832 nasce la Forstschule statale. Nel 1865 diventa, sotto Federico I di Baden, una Technische Hochschule (e nel 1902 chiamata „Fridericiana“), fino al 1885 quando prende il nome di Polytechnische Hochschule.[7] Nel 1886 Heinrich Hertz, nella odierna Hertz-Hörsaal scoprì le onde elettromagnetiche. Nel 1899 il Technische Hochschule Karlsruhe rilascia dottorati.[8] Quattro anni più tardi, Magdalena Neff sarà la prima donna in Germania a conseguire un titolo accademico in una università tecnica. Nel 1915, con Irene Rosenberg, divennero le prime donne promosse; una strada nel campus ricorda le personalità.

Nel dopoguerra le lezioni ripresero con 122 studenti. Nel 1967 la Technische Hochschule Fridericiana del Baden-Württemberg divenne la Universität Karlsruhe, che secondo il governo federale di Stoccarda doveva mantenere la designazione Technische Hochschule a lato. Due anni più tardi l'università divenne la prima Hochschule in Germania con indirizzo informatico, tre anni dopo fondarono la facoltà di informatica, la prima in Germania. Nel 1975 l'università si diede un nuovo logo, sviluppato da Rolf Lederbogen, insegnante dell'istituto di fondamenti di progettazione della facoltà architettura.[9]

Grazie alla forza della ricerca la Universität Karlsruhe nel luglio 2005 diventa Forschungsuniversität.[10][11][12] La designazione Universität Karlsruhe rimane uso esclusivo del KIT nel compimento della sua missione.[13]

Storia del centro ricerche Karlsruhe[modifica | modifica sorgente]

Il centro ricerche fu istituito nel 1956 dal Bundesminister für Atomfragen come Reaktorbau- und Betriebsgesellschaft mbH e più tardi come Gesellschaft für Kernforschung mbH e ancora Kernforschungszentrum Karlsruhe GmbH (KfK). I soci e finanziatori furono la Bundesrepublik Deutschland al 90% e il Land Baden-Württemberg al 10%. L'attività principale fu quella di studio dell'energia atomica attraverso la ricerca di base in fisica atomica. Fu sviluppato il principio del Schwerwasserreaktor dal 1957 al 1961, costruiendo il Forschungsreaktor 2, operativo fino al 1981. Il successo portò alla messa in funzione del Mehrzweckforschungsreaktor Karlsruhe, operativo dal 1965 al 1984, così come del prototipo KNK, dal 1971 al 1991. Un altro filone di ricerca riguarda lo studio del riprocessamento, come creato con il Wiederaufarbeitungsanlage Karlsruhe. Dall'nizio degli anni '70 furono sviluppate, su indicazione del Bundesministerium für Forschung und Technologie nuovi, non nucleari, filoni di ricerca, come ad esempio in ambito ambientale. Con l'inizio della graduale eliminazione dell'energia nucleare in Germania, iniziarono programmi come il Projekts Schneller Brüter, la fusione nucleare, meteorologia/clima, ambiente, genetica, tossicologia, microsistemica e fisica di base. Progetti come AANKA (luce di sincrotrone) o Kaskade in astrofisica, AUGER, e la ricerca sul Neutrino con l'esperimento KARMEN in Inghilterra. La misura della massa del Neutrino con il Tritium-Neutrino-Experiments (KATRIN) nel novembre 2006 con uno spettrometro, ha portato alla misurazione più precisa al mondo. Ciò ha portato alla modifica del nome da Kernforschungszentrum Karlsruhe in Forschungszentrum Karlsruhe con sottotitolo Technik und Umwelt nel 1995. Sottotitolo cambiato nel 2002 con in der Helmholtz-Gemeinschaft. Un altro cambiamento è avvenuto per tutti i 15 maggiori istituti di ricerca, con la fondazione nel 2001 della società Helmholtz-Gemeinschaft dedicata a Hermann von Helmholtz e patrocinata dal Bundesministerium für Bildung und Wissenschaft.

Unione dell'università e del centro ricerche[modifica | modifica sorgente]

Dopo la fondazione del Kernforschungszentrums nel 1956 iniziò la collaborazione con la Universität Karlsruhe con docenti dell'istituto per il centro ricerche. Nel 1964 vennero usate strutture del Kernforschungszentrum (centro ricerca di fisica nucleare), creando l'Istituto di fisica nucleare. Più tardi l'istituto per la tecnica della propulsione nucleare fu creato, e successivamente l'istituto per la Mikrosystemtechnik. Nel 1985 una prima fusione tra l'Istituto per la Meteorologia e la ricerca sul clima. Il 6 marzo 1996 con il „Virtuellen Rechenzentrum“ il primo grande progetto di ricerca tra Universität e Forschungszentrum, sul calcolo scientifico. La fondazione del Karlsruher Instituts für Technologie avviene l'11 aprile 2006 con la sottoscrizione di Horst Hippler e Dieter Ertmann per la Universität assieme a Manfred Popp e Sigurd Lettow per il Forschungszentrum.[14] La pubblicazione dell'evento avvenne due settimane più tardi il 25 aprile 2006. La „institutionalisierte Zusammenarbeit“ dei partner iniziò il 1º luglio 2006; venne usato da allora il logo del KIT. Il 13 ottobre 2006 iniziò la prima Exzellenzinitiative, assieme alla Ludwig-Maximilians-Universität München e la Technische Universität München. Con il benestare dei finanziamenti federali per il KIT, il Land e la Helmholtz-Gemeinschaft. Il contratto per la fondazione fu chiuso il 13 dicembre 2007 tra il Forschungszentrum Karlsruhe e la Universität Karlsruhe. Nel febbraio 2008 una festa nella città con ministri federali e del Land, sancisce l'unione. Il 1º ottobre 2009 il KIT, diventa ente di diritto pubblico („staatliche Einrichtung“). La direzione dei due enti precedenti decade.

Origine del nome[modifica | modifica sorgente]

Il nome KIT deriva dall'acronimo anglosassone, Massachusetts Institute of Technology (MIT), uno dei migliori enti di ricerca e insegnamento tecnoscientifici del mondo.

Personalità e allievi[modifica | modifica sorgente]

Professori/Ricercatori[modifica | modifica sorgente]

NP = Premio Nobel

Heinrich Hertz, che fece esperimenti sulle onde elettromagnetiche
Facoltà Nome
Architettura Hermann Billing, Egon Eiermann, Otto Ernst Schweizer, Hans Freese, Arno Lederer, Fritz Haller, Carl Schäfer
Ingegneria civile
e Geologia
Reinhard Baumeister, Karl August Hoepfner, Roman Friedrich Heiligenthal, Gadso Lammers, Theodor Rehbock, Franz Dischinger, Wilhelm Paulcke, Hans Leussink, Johann Gottfried Tulla (cofondatore), Wilhelm Leutzbach, Klaus J. Beckmann, Jürgen Ehlbeck
Biologia/Chimica Georg Bredig, Hans Bunte, Rudolf Criegee, Carl Engler, Kasimir Fajans, Fritz Haber (NP), Hermann Gerhard Hertz, Klaus Krogmann, Robert Lauterborn (ricercatore), Max Le Blanc, Jean-Marie Lehn (NP), Eduard Maurer, Lothar Meyer, August Michaelis, Lavoslav Ružicka (Prom.) (NP), Dieter Seebach (Prom.), Hermann Staudinger (NP), Alfred Stock, Karl Weltzien
Ingegneria chimica/Ingegneria di processo Wilhelm Nußelt, Emil Kirschbaum, Hellmuth Fischer, Hans Rumpf
Elettrotecnica Engelbert Arnold, Olaf Dössel, Otto Föllinger, Adolf J. Schwab, Karl Steinbuch, Hans Thoma
Scienze forestali Hans Hausrath, Julius Lehr
Germanistica Peter Wapnewski, Jan Knopf
Storia Hermann Baumgarten, Walter Bußmann, Walther Peter Fuchs, Rudolf Lill, Thomas Nipperdey, Franz Schnabel, Peter Steinbach
Informatica Klaus Bender, Klaus Dittrich, Gerhard Goos, Peter C. Lockemann, Gerhard Krüger, Rudi Studer, Walter F. Tichy, Werner Zorn, Thomas Ottmann, Wolffried Stucky, Peter Sanders, Thomas Beth, Ulrich Rembold
Meccanica Carl Benz, Franz Grashof, Hans Molly, Wilhelm Nußelt, Ferdinand Redtenbacher, Rudolf Schulten, Sigmar Wittig
Matematica Günter Aumann, Alfred Clebsch, Georg Hamel, Karl Heun, Harro Heuser, Heinrich-Wolfgang Leopoldt, Ernst Schröder, Wolfgang Walter
Filosofia Hans Lenk, Günter Ropohl
Fisica Ferdinand Braun (NP), Ernst Brüche, Wolfgang Bürger, Wolfgang Gaede, Christian Gerthsen, Heinrich Hertz, Otto Lehmann, Martin Wegener, Julius Wess
Diritto Thomas Dreier, Indra Spiecker, Christian Kirchberg, Klaus-Jürgen Melullis
Sociologia Helmut F. Spinner, Hanns Peter Euler, Bernhard Schäfers
Economia Wolfgang Eichhorn, Arwed Emminghaus, Étienne Laspeyres, Götz Werner, Reinhold Würth, Christof Weinhardt, Hariolf Grupp

Allievi[modifica | modifica sorgente]

Carl Benz allievo (1861 - 1864) della TH Karlsruhe
Facoltà Nome
Architettura Oswald Mathias Ungers, Albert Speer, Ole Scheeren, Erich Schelling, Fritz Schupp, Hans Kollhoff
Ingegneria civile und Geologia Robert Gerwig, Dieter Ludwig, Hubert Liebherr
Chimica Leopold Ruzicka, Michael Polanyi, Eberhard Raetz, Helmut Zahn
Ingegneria chimica Edward Teller
Germanistica Herbert Wetterauer
Meccanica Carl Benz, Roland Mack, Emil von Škoda (Škoda), Bernhard Howaldt, Franz Reuleaux, August Thyssen, Hans Müller-Steinhagen, Georg Duffing
Matematica Fritz Noether
Pedagogia Wilhelm August Lay
Fisica Johann Jakob Balmer, Siegfried Bauer, Alexander Behm, Fritz-Rudolf Güntsch, Klaus Tschira, Bernd Schmidbauer
Elettrotecnica, Informatica Rolf Wideröe, Dieter Zetsche, Hasso Plattner, Dietmar Hopp, Rainer Neske, Siegfried Wendt
Economia Franz Fehrenbach, Stefan Quandt, Carsten Spohr, Franz Josef Radermacher, Michael Rogowski, Bodo Uebber, Simon Pierro, Markus Miele, Joachim Nagel

Dottori honoris causa[modifica | modifica sorgente]

Ehrenbürger[modifica | modifica sorgente]

Direttori, Rettori e Presidenti[modifica | modifica sorgente]

Eberhard Umbach, Preside del KIT

Il primo direttore fu Gustav Friedrich Wucherer nel 1825, e per sette anni successivi. Dal 2009 al 2012 furono Horst Hippler e Eberhard Umbach i presidenti del KIT. Hippler fu anche, dal 2002, il Rettore dell’università, Umbach dal 2007 presidente del Forschungszentrum. Dall’ottobre 2012 Eberhard Umbach e da solo alla presidenza del KIT.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Neuer Höchststand: Knapp 24.000 Studierende am KIT, 2012-12-12.
  2. ^ Entscheidung über Exzellenzinitiative: Fünf Neue im Kreis der Elite-Unis bei tagesschau.de, 15. Juni 2012 (abgerufen am 15. Juni 2012).
  3. ^ QS World University Rankings 2011/12, 2011-10-08.
  4. ^ QS World University Rankings 2011 - Faculty Rankings, 2011-10-08.
  5. ^ TIMES Higher Education World University Ranking
  6. ^ http://taiwanranking.lis.ntu.edu.tw/Default-EN.aspx
  7. ^ Geschichte der Fridericiana. Stationen in der Geschichte der Universität Karlsruhe (TH) von der Gründung 1825 bis zum Jahr 2000, 2011-05-31.
  8. ^ Carl Benz und die Technische Hochschule Karlsruhe. Aus: Fridericiana - Zeitschrift der Universität Karlsruhe. Heft 38, Juni 1986, S. 29
  9. ^ „Neues Signet“ der Universität Karlsruhe (TH), 2010-03-11.
  10. ^ Rechenschaftsbericht 2005 (PDF), 28. Juli 2006.
  11. ^ Forschungsuniversität - gegründet 1825: mit diesem neuen Namenszusatz unterstreicht die Universität Karlsruhe ihre Forschungsstärke, 28. Juli 2006.
  12. ^ Fridericiana positioniert sich als Forschungsuniversität, 28. Juli 2006.
  13. ^ Siehe: Art. 1 § 21 Abs. 2 des Gesetzes zur Zusammenführung der Universität Karlsruhe und der Forschungszentrum Karlsruhe GmbH im Karlsruher Institut für Technologie (KIT-Zusammenführungsgesetz)
  14. ^ Elite-Institut KIT: Aus Partnern wird eine Einheit, 25 febbraio 2007.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]