Johann Wolfgang Döbereiner

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Johann Wolfgang Döbereiner

Johann Wolfgang Döbereiner (Hof, Bayreuth, 13 dicembre 1780Jena, Grand Duchy of Saxe-Weimar-Eisenach, 24 marzo 1849) è stato un chimico tedesco. È conosciuto principalmente per il lavoro che abbozzò la legge periodica degli elementi chimici.

Vita e lavoro[modifica | modifica sorgente]

Come figlio di un cocchiere, Döbereiner ebbe poche opportunità di istruzione formale, quindi egli fu apprendista di un farmacista, lesse molto, e assistette a lezioni di scienze. Nel 1810 diventò un professore presso l'Università di Jena. Durante le sue ricerche che cominciò nel 1829,[1] Döbereiner scoprì degli andamenti in alcune proprietà di gruppi selezionati di elementi. Ad esempio la massa atomica media del litio e del potassio era vicino alla massa atomica del sodio. Trovò risultati similari analizzando i seguenti gruppi di tre elementi:

Inoltre, le densità di alcuni di questi gruppi di elementi seguivano un andamento analogo. Questi insiemi di elementi divennero noti come "Triadi di Döbereiner".[2][3] Lavorò anche con elementi come lo scandio, nel tentativo di trovare una cura per malattie come la rabbia.

Döbereiner è anche noto per la sua scoperta del furfurale, per le sue ricerche sull'uso del platino come catalizzatore e di un dispositivo con funzioni di accendino, conosciuto come la lampada di Döbereiner.

Lo scrittore tedesco Goethe era un amico di Döbereiner, frequentava le sue lezioni settimanali e utilizzò le sue teorie di affinità chimiche come base per i suoi famosi romanzi del 1809 ("Le affinità elettive").

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Johann Wolfgang Dobereiner
  2. ^ Johann Wolfgang Dobereiner. URL consultato l'8 marzo 2008.
  3. ^ A Historic Overview: Mendeleev and the Periodic Table. URL consultato l'8 marzo 2008.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]