Jean-Baptiste Biot

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jean-Baptiste Biot

Jean-Baptiste Biot (Parigi, 21 aprile 1774Parigi, 3 febbraio 1862) è stato un fisico e matematico francese.

È noto in particolare per lo studio delle relazioni tra corrente elettrica e magnetismo (a lui e Félix Savart è intitolata la Legge di Biot-Savart, che fornisce il valore del campo magnetico generato in un punto dello spazio da una corrente elettrica in funzione della distanza dal conduttore) e del fenomeno della rotazione del piano di polarizzazione della luce nel passaggio attraverso soluzioni di composti chimici. A partire da tali risultati, Biot ha usato il saccarimetro per determinare la natura e la quantità degli zuccheri presenti in una soluzione.

Fu il primo a scoprire le proprietà ottiche caratteristiche della mica; in ragione di ciò la biotite, un minerale di mica, porta anch'essa il suo nome.

Nel 1800 fu nominato professore di fisica al Collège de France e fu eletto membro dell'Accademia francese delle scienze all'età di 29 anni.

1804, la prima ascensione scientifica in pallone aerostatico con Joseph Louis Gay-Lussac

Nel 1804 compì con Joseph Louis Gay-Lussac la prima ascensione scientifica in pallone aerostatico fino ad un'altitudine di 5.000 metri, realizzando una delle prime indagini sulla composizione dell'atmosfera terrestre.

Fu titolare della cattedra di astronomia alla facoltà di scienze dal 1809 al 1816 e dal 1826 al 1848. Gli è intitolato anche un piccolo cratere lunare.

Ha ricevuto la Médaille Rumford nel 1840.

Scritti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Académie française[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Seggio 12 dell'Académie française Successore
Charles de Lacretelle 1856 - 1863 Louis de Carné

Controllo di autorità VIAF: 71428323 LCCN: n86822669