Jökulsárlón

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jökulsárlón
Jökulsárlón April 07-3.JPG
Stato Islanda Islanda
Coordinate 64°03′08″N 16°21′37″W / 64.052222°N 16.360278°W64.052222; -16.360278Coordinate: 64°03′08″N 16°21′37″W / 64.052222°N 16.360278°W64.052222; -16.360278
Dimensioni
Superficie 18 km²
Profondità massima 260 m
Idrografia
Origine Glaciale
Mappa di localizzazione: Islanda
Jökulsárlón

Jökulsárlón è il più grande e più conosciuto lago di origine glaciale dell'Islanda. Situato a sud del ghiacciaio Vatnajökull, tra il Parco nazionale Skaftafell e la città di Höfn, apparve per la prima volta tra il 1934 e il 1935 e dal 1975 crebbe dai 7,9 km² agli attuali 18 km² di superficie, a causa dello scioglimento accelerato dei ghiacciai islandesi. Possiede una profondità massima di 260 m, il che lo rende il lago più profondo d'Islanda.

Una delle sue caratteristiche più sorprendenti è la presenza di numerosi iceberg che derivano dalla lingua del ghiacciaio del Breiðamerkurjökull. Vicino al Jokulsarlon, si trovono altri due laghi glaciali, il Fjallsárlón e il Breiðárlón.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

I blocchi di ghiaccio che cadono dal fronte del ghiacciaio Vatnajökull, in particolare dalla parte chiamata Breidamerkurjokull, derivano sul lago, fino raggiungere il mare. I colori di questi piccoli iceberg vanno dal turchese al blu profondo, ma anche giallo a causa del solfuro di origine vulcanica, nero per colpa delle cenere, e ovviamente bianco, in diverse tonalità.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Intorno al 900 dC, quando i primi coloni arrivarono in Islanda, il bordo del Breidamerkurjokull era circa 20 chilometri più a nord rispetto alla sua posizione attuale. Durante il breve periodo glaciale, tra il 1600 e il 1900, le temperature fredde che prevalgono in queste latitudini fanno crescere il ghiacciaio di circa 1 chilometro. Poi, con l'aumento delle temperature tra il 1920 e il 1965, nuove modifiche trasformano il ghiacciaio. Cominciano a cadere rapidamente dei pezzi di ghiaccio di varie dimensioni, creando nella sua scia una laguna, negli anni 1934-1935. Le sue dimensioni passano da 7,9 km2 nel 1975 a 18 km2 oggi.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Iceberg sul lago

Il lago si trova a 250 chilometri da Reykjavík, a 75 chilometri ad ovest della città di Höfn, e a 60 chilometri all'est del Parco nazionale di Skaftafell. La Strada N°1 che ci porta, passa vicino a una dozzina di altri ghiacciai, che pure loro si ritirano, e include un ponte che passa sopra alla bocca del lago, nella sua parte sud. Dei parcheggi sono stati costruiti per facilitare l'accesso ai visitatori.

Il lago Jokulsarlon offre una vista eccezionale sulla calotta ghiacciaia, grande cupola di ghiaccio che sorge ad un'altezza di 910 metri. Comincia a scivolare 19 chilometri prima di raggiungere la laguna. In estate, gli iceberg possono derivare nel lago per anni, fino alla sua bocca, dove si fondono gradualmente prima di scomparire nel mare. D'inverno, il lago congela e blocca gli iceberg. Enormi blocchi di ghiaccio si staccano dal Vatnajökull: possono raggiungere i 30 m di altezza.

La velocità impressionante alla quale il Vatnajökull si ritira suggerisce la possibile nascita di un fiordo profondo. Inoltre, questo fenomeno di scioglimento è anche visto come una minaccia a lungo termine per la Strada n°1. Delle misure di protezione per il ponte sono già state messe in atto, compresa la costruzione di una diga. Quest'ultima facilita l'accesso al sito per le macchine di cantiere di protezione, come durante la posa di pietre per evitare agli iceberg di colpire i pilastri delle ponte.

Attività[modifica | modifica sorgente]

Barca turistica anfibia

Il lago è molto popolare: i turisti che passano dalla Strada n°1 ci si fermano spesso. È possibile navigare sul lago grazie a delle barche anfibie o gommoni. I primi giri in barca commerciali iniziarono nel 1985. Guðbrandur Jóhannesson, che ora possiede e gestisce l'agenzia di viaggi Vatnajökull, è stato il pioniere di questo business. In due anni, circa 5.000 passeggeri avevano già navigato sul lago grazie a due piccole imbarcazioni che componevano l'intera flotta della società. L'anno seguente, un veicolo anfibio, il LARC - V, si unì alla flotta. La società Jokulsarlon EHF ha ormai trenta impiegati stagionali, quattro navi anfibie, e riceve tra i 60.000 e 70.000 passeggeri ogni anno.

Fauna[modifica | modifica sorgente]

Il lago è pieno di pesci che arrivano dal mare grazie alle maree. Le foche si riuniscono alla bocca del lago per catturarli. Possono essere visti mentre nuotano nel lago, o quando sono sdraiati sul icebergs.

Un gran numero di uccelli marini, come le sterne artiche o i gabbiani hanno i loro nidi nelle vicinanze, e si riuniscono per la cattura delle aringhe, trote, dei salmoni e altri pesci o ancora del krill. Durante la stagione estiva, il stercorario maggiore costruisce il proprio nido sul lago. Questi ultimi, riconoscibili grazie ai loro colori scuri e decorazioni bianche sulle ali, sono anche chiamati "pirati del mare". Molto aggressivi, possono molestare altri uccelli come le sule bassane, presenti anche loro intorno al lago. Sono anche predatori delle famose pulcinelle di mare, molto numerose in Islanda.

Film[modifica | modifica sorgente]

Il lago è servito da sfondo per diversi film, tra i quali due film della serie James Bond : "007 - Bersaglio mobile" e "La morte può attendere" È servito anche in "Batman Begins" e "Lara Croft : Tomb Raider", per ambientare un villaggio siberiano.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]