Jô Soares

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

José Eugênio Soares, meglio conosciuto come Jô Soares (Rio de Janeiro, 16 gennaio 1938), è un conduttore televisivo, scrittore e umorista brasiliano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Rio de Janeiro nel 1938 da Orlando Soares e da Mercedes Leal, ha studiato nel Colégio São Bento nella sua città natale e a Losanna, in Svizzera, al Lycée Jaccard, con l'intento di avviarsi alla carriera diplomatica. Soggiornò anche negli Stati Uniti, prima di tornare a vivere nella sua città nel 1958. Abbandonata definitivamente la carriera diplomatica, iniziò come giornalista e umorista una brillante strada che lo ha portato fino ad oggi ad essere un grande giornalista in Brasile.

Dotato di personalità eclettica, svolge anche attività di attore (di prosa e cinematografico) e di presentatore televisivo, ma è anche umorista, drammaturgo e musicista e artista plastico.[1]

In italia è conosciuto per due romanzi, Un Samba per Sherlock Holmes (1995) e L'uomo che uccise Getúlio Vargas (1998).

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

  • 1967 - Família Trapo
  • 1970 - Faça Humor, Não Faça Guerra (Fate lo Humor, non fate la Guerra): è stato il primo programma umoristico della Rede Globo con Jô Soares.
  • 1973 - Satiricom
  • 1976 - Planeta dos Homens
  • 1981 - Viva o Gordo (Viva il ciccione): che satirizzava il regime militare in Brasile con lo slogan Viva o gordo, abaixo o regime.
  • 1982 - Chico Anysio Show, partecipazione
  • 1983 -
    • Plunct, Plact, Zuuum, partecipazione (programma per bambini)
    • Jornal da Globo, commentatore giornalistico, fino al 1987.
  • 1988 - Veja o Gordo sul canale SBT
  • 2000 - Partecipazione natalizia al programma Sai de Baixo
  • dal 3 aprile 2000 - Programa do Jô

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 1954 - Rei do Movimento, di Victor Lima e Hélio Barroso
  • 1956 - De Pernas pro Ar, di Victor Lima
  • 1957 - Pé na Tábua, di Victor Lima, regia di Chico Anysio
  • 1959 - Aí Vêm os Cadetes, di Luiz de Barros
  • 1959 - O Homem do Sputnik, di Carlos Manga
  • 1960 - Vai que É Mole, di J. B. Tanko
  • 1960 - Tudo Legal, di Victor Lima
  • 1965 - Pluft, o Fantasminha, di Romain Lesage, tratto dal testo teatrale di Maria Clara Machado
  • 1965 - Ceará contra 007, di Marcos Cesar
  • 1968 - Hitler III Mundo, di José Agrippino di Paula
  • 1968 - Papai Trapalhão, di Victor Lima
  • 1969 - Agnaldo, Perigo à Vista (partecipazione), di Reynaldo Paes de Barros
  • 1969 - A Mulher de Todos, di Rogério Sganzerla
  • 1971 - Nenê Bandalho, di Emílio Fontana tratto da una storia breve di Plínio Marcos
  • 1973 - Amante muito Louca, di Denoy de Oliveira
  • 1979 - Tangarela, a Tanga de Cristal, di Lula Campelo Torres
  • 1976 - O Pai do Povo, regia di Jô Soares
  • 1986 - Cidade Oculta, di Chico Botelho, con la partecipazione di Arrigo Barnabé
  • 1995 - Sábado, regia di Ugo Giorgetti
  • 2001 - O Xangô de Baker Street, produzione cinematografica tratta dal romanzo omonimo scritto da lui stesso, regia di Miguel Faria Júnior. Con la partecipazione di Maria de Medeiros e Joaquim de Almeida.
  • 2003 - Person, documentario di Marina Person
  • 2004 - A Dona da História, tratto dal soggetto teatrale di João Falcão e con la regia di Daniel Filho

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • O astronauta sem regime, L&PM - 1985
  • O Xangô de Baker Street, Cia. das Letras - 1995
  • Un Samba per Sherlock Holmes, 1995
  • L'uomo che uccise Getúlio Vargas , 1998
  • Assassinatos na Academia Brasileira de Letras, Cia. das Letras - 2005
  • As Esganadas, Cia. das Letras - 2011

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Decifra-me ou te devoro (Revista Veja)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 9962513 LCCN: n83312480