Institut national de physique nucléaire et de physique des particules

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'Institut national de physique nucléaire et de physique des particules (in italiano Istituto nazionale di fisica nucleare e di fisica delle particelle), abbreviato in IN2P3[1], è un centro di ricerca nella fisica fondamentale del CNRS. Il campo di ricerca è, come indica il nome stesso, la fisica nucleare e delle particelle. È stato fondato nel 1971. Comprende 3 unità specifiche a Villeurbanne e Annecy ed è associato a 21 laboratori universitari dislocati in tutta la Francia.

L'attività di questi 24 laboratori è realizzata tramite la loro partecipazione in esperimenti scientifici e tecnici di notevoli dimensioni, tramite collaborazioni sia nazionali che internazionali. Essi collaborano in particolare alla preparazione degli esperimenti del LHC del CERN di Ginevra. Dall'aprile 2010 è diretto da Jaques Martino, ex direttore dei laboratori SUBATECH di Nantes, in sostituzione di Michel Spiro[2]

Laboratori nell'area parigina[modifica | modifica wikitesto]

  • a Parigi, all'università Denis-Diderot i laboratori
    • Astroparticelle e Cosmologia (APC),
    • laboratorio di fisica delle particelle e la cosmologia del Collegio di Francia (PPC),
    • associato all'Osservatorio di Parigi e al Commissariato per le energia atomica (DAPNIA)
  • a Parigi, all'università di Parigi VI : il laboratorio di fisica nucleare e delle alte energie (LPNHE)
  • a Parigi : il Museo Curie e gli archivi dell'Istituto del radio
  • a Orsay : il Centro di spettrometria nucleare e di spettrometria di massa (CSNSM)
  • a Orsay : l'istituto di fisica nucleare di Orsay (IPNO)
  • a Orsay : il Laboratorio di accelerazione lineare (LAL)
  • a Palaiseau alla Scuola politecnica : il Laboratorio Leprince-Ringuet

Laboratori in Francia[modifica | modifica wikitesto]

  • a Strasburgo : l'Istituto pluridisciplinare Hubert Curien (IPHC)
  • a Annecy-le-Vieux : il Laboratorio di Annecy-le-vieux di fisica delle particelle (LAPP) (Università della Savoia)
  • a Lione : l'Istituto di fisica nucleare di Lione (IPNL) (Università di Lione-I)
  • a Lione : il Centro di Calcolo (CC-IN2P3)
  • a Lione : il Laboratorio Avanzato dei Materiali (LMA)
  • a Modane : il Laboratorio sotterraneo di Modane (LSM)
  • a Grenoble : il Laboratorio di fisica subatomina e di cosmologia di Grenoble
  • a Marsiglia : il Centro di fisica delle particelle di Marsiglia (Università Aix-Marseille II)
  • a Montpellier : il Laboratorio Universo e Particelle di Montpellier (LUPM)
  • a Clermont-Ferrand : il Laboratorio di fisica corpuscolare (LPC Clermont-Ferrand)
  • a Bordeaux : il Centro di studi nucleari di Bordeax Gradignan (CENBG)
  • a Nantes : il Laboratorio di fisica subatomica e delle tecnologie associate (SUBATECH)
  • a Caen : il Grande acceleratore nazionale di ioni (GANIL)
  • a Caen : il Laboratorio di fisica corpuscolare (LPC Caen)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ I per istituto, N2 per "national" e "nucléaire", P3 per "physique" 2 volte e "particule".
  2. ^ Comunicato della nomina del nuovo direttore

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sito ufficiale dell'istituto