Illusione uditiva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aiuto
Esempio di Scala Deutsch (info file)
Il suono prima si percepisce in un posto, poi in un altro, e infine simultaneamente

Un'illusione uditiva o illusione acustica, è l'equivalente sonoro di un'illusione ottica: il soggetto sente suoni che non sono presenti nello stimolo o li percepisce in modo diverso da quelli che produce[1].

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

L'illusione acustica può quindi dare indizi su come il suono viene percepito da un essere umano. In breve, le illusioni uditive evidenziano le aree in cui l'orecchio e il cervello, come organi e strumenti sensoriali, differiscono nella recezione di un suono (in meglio o in peggio).

Le illusioni uditive sono meno studiate delle illusioni visive, poiché richiedono strumenti elettroacustici in grado di analizzarle. È in particolare la psicoacustica ad occuparsi e a descrivere queste percezioni uditive.

Le illusioni enfatizzano la natura interpretativa della percezione umana. Infatti, il nostro sistema percettivo cade spesso in inganno. Questo perché il nostro cervello non è una semplice finestra sul mondo che ci circonda, ma ricostruisce i dati forniti dai nostri sensi. Le illusioni sono infatti causate da una erronea interpretazione del cervello.

Esempi[modifica | modifica sorgente]

Esempi di illusioni uditive:

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Massaro, Dominic W., ed. (2007). "What Are Musical Paradox and Illusion?". American Journal of Psychology (University of California, Santa Cruz) 120 (1): 124, 132. Retrieved 15 November 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]