Effetto McGurk

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'effetto McGurk è un fenomeno percettivo che dimostra un'interazione tra l'udito e la vista nel riconoscimento di una parola o di un singolo fonema. Questo suggerisce che il riconoscimento linguistico è un processo multimodale, cioè che coinvolge informazioni da più di una sorgente sensoriale. L'effetto McGurk è talvolta chiamato effetto McGurk-MacDonald, dato che è stato descritto per la prima volta nell'articolo di Harry McGurk e John MacDonald nel 1976[1].

Questo effetto può essere sperimentato quando un video che mostra la produzione di un fonema viene doppiato con il suono registrato di un altro fonema. Spesso il fonema percepito è una via di mezzo tra i due. Per esempio, un video che mostra /ga/ combinato con l'audio di /ba/ è spesso percepito come /da/. Questo effetto è molto robusto; la conoscenza della sua presenza sembra non aver quasi alcun effetto sulla sua percezione. In questo è molto differente da alcune illusione ottiche che una volta scoperte, non hanno più effetto.

Lo studio dell'effetto McGurk è stato utilizzato per la produzione di programmi di riconoscimento vocale che fanno uso di una videocamera e di un software di lettura del labiale.

Uno studio del 2005 di Wareham e Wright ha mostrato come l'inconsistenza dell'informazione visiva può cambiare la percezione delle frasi ascoltate, suggerendo che l'effetto McGurk potrebbe avere grande influenza nelle percezioni della vita quotidiana[2].

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ McGurk, H & MacDonald, J (1976); "Hearing lips and seeing voices," Nature, Vol 264(5588), pp. 746–748
  2. ^ Wright, Daniel and Wareham, Gary (2005); "Mixing sound and vision: The interaction of auditory and visual information for earwitnesses of a crime scene," Legal and Criminological Psychology, Vol 10(1), pp. 103–108.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Psicologia Portale Psicologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Psicologia