Ileana Sonnabend

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ileana Sonnabend, nata Ileana Schapira (Bucarest, 25 ottobre 1914New York, 21 ottobre 2007), è stata una gallerista e mercante d'arte rumena naturalizzata statunitense, tra le più celebri protagoniste dell'arte del XX secolo.

La Galleria Sonnabend aperta a Parigi nel 1962 è stata determinante nella diffusione e sponsorizzazione in Europa dell'arte americana del periodo, con particolare attenzione dedicata alla corrente Pop Art. Nel 1970, Sonnabend aprì una filiale della galleria a New York, in Madison Avenue e nel 1971 si trasferì nella Grande Mela, al 420 di West Broadway, dove divenne uno delle principali protagoniste che resero SoHo il centro d'arte internazionale.[1] Vi risiedette fino ai primi anni novanta.[1] La galleria di New York ha notevolmente implementato la conoscenza e la contaminazione delle correnti tra l'arte europea e americana dei settanta, questa volta basata sull'arte concettuale e arte povera. Inoltre ha notificato l'arte concettuale e minimale americana. Nel 1986, il cosiddetto spettacolo "Neo-Geo" ha reso celebre l'artista Jeff Koons. Alla fine degli anni novanta, la galleria viene trasferita a Chelsea, continuando la sua attività anche dopo la morte di Ileana Sonnabend.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Wim Delvoye, Dreaming To Become Chinese in dialoguetalk.org. URL consultato il 15 agosto 2013.
  2. ^ (EN) Roberta Smith, Ileana Sonnabend, Art World Figure, Dies at 92. in New York Times, 24 ottobre 2007. URL consultato il 15 agosto 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]