Il Saprofita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il Saprofita
Il saprofita.jpg
Una scena del film
Paese di produzione Italia
Anno 1974
Durata 100 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Sergio Nasca
Soggetto Sergio Nasca
Sceneggiatura Sergio Nasca
Fotografia Giuseppe Acquari
Montaggio Erminia Morani, Giuseppe Giacobino
Musiche Sante Maria Romitelli
Scenografia Giorgio Luppi
Interpreti e personaggi

Il Saprofita è un film drammatico italiano del 1974 diretto da Sergio Nasca, che ha curato anche il soggetto e la sceneggiatura.

La pellicola non va confusa con quella di identico titolo del regista Mario Salieri.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In un paese della Puglia, l'aitante seminarista Ercole (prete mancato a causa di un trauma che gli ha fatto perdere la parola) va a fare l'autista e l'infermiere (di Parsifal, figlio paraplegico dei padroni) in una ricca e bigotta famiglia di proprietari terrieri, diventando presto l’amante della moglie del padrone (e di fatto domina della casa), la bella baronessa Clotilde. In un contesto familiare e sociale dove contano solo il denaro, il sesso e il potere, tutti cercano di approfittare di tutti, ma il vero saprofita (come l’organismo vegetale che si nutre di sostanze organiche in decomposizione) si rivelerà proprio Ercole.[1]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film segna l’esordio di Sergio Nasca,[2][3] già assistente di Marco Bellocchio,[1] ed è il primo film per gli attori Al Cliver e Carlo Monni.

Il film è tutto girato ad Ostuni nel 1973.[1] Esiste un DVD distribuito da Cecchi Gori home video.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Il Saprofita, Apulia Film Commission. URL consultato il 19 ottobre 2012.
  2. ^ Sergio Nasca, MYmovies. URL consultato il 19 ottobre 2012.
  3. ^ Sergio Nasca, Internet Movie Database. URL consultato il 19 ottobre 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema