Idrografia di Novara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'Idrografia di Novara è molto complessa. All'interno della città piemontese scorrono numerosi torrenti e canali, più o meno importanti, che irrigano vasti comprensori irrigui.

I principali corsi d'acqua[modifica | modifica wikitesto]

Nella città di Novara, scorrono diversi canali e corsi d'acqua naturali; i più importanti sono:

Tutti questi canali e torrenti sono stati fondamentali per lo sviluppo della città, nonché di quello dell'Irrigazione.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'idea di poter portare l'acqua dal Sesia a Novara nasce nel XII secolo[1], con la costruzione della roggia Nuova voluta dalla città; in seguito questo corso d'acqua verrà chiamato Roggia Mora.
Dall'archivio degli Statuti del Comune di Novara si ha notizia, nel XIII secolo, di una roggia di Cerano che traeva la sua portata dal corso dell'Agogna e del Terdoppio. I Regnanti delle Case Nobiliari, proprietari di latifondi, garantivano una dotazione dotazione irrigua molto sicura ai propri terreni. La roggia Busca, (1380) era la roggia Novarese (rugia Novariensis): fu costruita dalla città per uso difensivo e di confine con la zona di Vercelli e ceduta successivamente, nel XV secolo ai Duchi di Milano

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sviluppo Irrigazione - Est Sesia