Sforzesca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima unità militare italiana, vedi 2ª Divisione fanteria "Sforzesca".
Sforzesca
frazione
Uno degli ingressi del complesso della Sforzesca
Uno degli ingressi del complesso della Sforzesca
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Pavia-Stemma.png Pavia
Comune Vigevano-Stemma.png Vigevano
Territorio
Coordinate 45°17′21″N 8°53′09″E / 45.289167°N 8.885833°E45.289167; 8.885833 (Sforzesca)Coordinate: 45°17′21″N 8°53′09″E / 45.289167°N 8.885833°E45.289167; 8.885833 (Sforzesca)
Abitanti
Altre informazioni
Cod. postale 27029
Prefisso 0381
Fuso orario UTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Sforzesca

La Sforzesca è una frazione del comune di Vigevano situata 2 km a sud della città. La località è famosa par la grande cascina, denominata "Colombarone", fatta costruire nel 1486 da Ludovico il Moro, signore di queste terre.

Il complesso presenta la disposizione tipica dei castelli con quattro corpi di fabbrica lungo i lati e quattro palazzotti agli angoli, chiamati appunto "colombaroni", intorno ad un cortile centrale di forma pressoché quadrata. I colombaroni sono ornati da finestre ad arco acuto e fregi "a dente di sega".

Anche Leonardo da Vinci soggiornò presso la Sforzesca collaborando al miglioramento del territorio con progetti idraulici per permettere una migliore irrigazione dei campi. Nel codice Leicester, acquistato da Bill Gates, sono presenti disegni che ritraggono il "molino della Scala", una struttura a scalini dove scorreva l'acqua, ancora presente ai giorni nostri.[1]

La Sforzesca è nota anche per la famosa battaglia, ivi combattuta durante la Prima guerra di indipendenza italiana, il 21 marzo 1849.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • G. Angelini, La villa e la chiesa della Sforzesca nell’Ottocento. Le commissioni artistiche del marchese Rocca Saporiti tra Milano e Torino, in «Viglevanum. Miscellanea di studi storici e artistici», a. XVII, 2007, pp. 48–59.
  • Giors Oneto, Grandissimo Diciassettesimo, Neri Editore, Firenze 2001

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Le tracce di Leonardo
Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lombardia