Arbogna-Erbognone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arbogna-Erbognone
Arbogna-Erbognone
L'Arbogna a sud di Vespolate
Stato Italia Italia
Regioni Piemonte Piemonte
Lombardia Lombardia
Lunghezza 48 km
Portata media 0,9[1] m³/s
a Borgolavezzaro
Altitudine sorgente circa 160 m s.l.m.
Nasce a sud di Novara (Bicocca)
Affluenti cavo Cattedrale, torrente Ri, Cavo Panizzina e cavo Plezza
Sfocia Agogna a Ferrera Erbognone

L'Arbogna-Erbognone è un torrente che scorre nel Basso Novarese ed in Lomellina, attraversando le province di Novara e di Pavia. È il principale affluente del torrente Agogna, nel quale confluisce a sud di Ferrera Erbognone.

Percorso[modifica | modifica sorgente]

Il torrente nasce a sud di Novara, presso il quartiere Bicocca dall'unione di due fontane: la prima nasce sotto piazza Cavour e va ad alimentare l'acquedotto, mentre l'altra nasce presso la piazza d'Armi, scorre interrata per circa 50 metri per confluire e poi sfociare nell'altro ramo, dando vita all'Arbogna.

Dal ponte della tangenziale di Novara fino sino a Garbagna Novarese, l'Arbogna scorre in un ambiente molto diverso rispetto alla pianura Novarese: la Valle dell'Arbogna, tutto un susseguirsi di collinette separate da microscopiche vallicelle che confluiscono verso il piccolo torrente. Il fondovalle principale era, sino ad alcuni anni, or sono una palude di interessanti dimensioni; successive bonifiche a fini agricoli lo hanno trasformato in risaie che presentano, incastonati, due grandi stagni non coltivabili.

L'Arbogna-Erbognone presso Ferrera Erbognone

A Garbagna, dove è anche arginata[2], è stata costruita alla fine degli anni novanta un'importante opera idraulica: l'Arbogna è stata deviata e successivamente sbarrata per diramarsi in un cavo artificiale che ritorna al torrente poco a valle di Nibbiola. Sul confine tra Garbagna e Nibbiola riceve il Colatore Rimella. Giunto a Vespolate riceve ben tre affluenti che raddoppiano il volume delle acque; essi sono il Cavo Cattedrale, la fontana di Santa Maria ed il cavetto delle acque buone, derivazione meridionale del cavo Panizzina.

Con portata più regolare attraversa quindi Borgolavezzaro, dove riceve il modesto apporto del torrente Ri, per poi entrare in Lombardia, nella regione storica della Lomellina. Qui bagna Albonese (a cui dà il nome), Mortara (dove riceve il cavo Panizzina ed il cavo Plezza), Cergnago, San Giorgio di Lomellina e Ottobiano. Giunto nel comune di Ferrera Erbognone muta il suo nome in Erbognone, prima di confluire da sinistra nell'Agogna, a pochi chilometri a sud-ovest dell'abitato.

Il "dibattito" sulle sorgenti[modifica | modifica sorgente]

L'area di Novara - in particolare la zona meridionale - è ricca di risorgive, che confluiscono dando origine a corsi d'acqua più o meno importanti. In taluni casi non è semplice stabile l'esatta posizione della sorgente. Si è soliti localizzare erroneamente la sorgente dell'Arbogna nel centro di Novara, come indicato da molte carte geografiche; alcune di esse indicano il corso totale dell'Arbogna (o quantomeno quello dalla piazza d'Armi); altre, invece, ci indicano il corso solo dalla pieve di San Giovanni, sita a sud di Vespolate. Tutti questi fattori ci fanno capire che il sottobacino dell'Arbogna - Erbognone, a dispetto della sua piccolezza, risulta particolarmente complesso.[3]

L'Arbogna a sud di Novara

Portata media[modifica | modifica sorgente]

La portata media dell'Arbogna-Erbognone è di circa 0.9 m³/s, tuttavia, a seguito dell'interramento delle proprie sorgenti "naturali" è molto diminuita. Durante i periodi con assenza di precipitazioni il corso d'acqua si presenta quasi in secca nel tratto iniziale (Novara - Garbagna Novarese); al contrario, in caso di forti piogge, può gonfiarsi rapidamente con alto rischio di straripamenti.
In passato ha causato rilevanti danni a Garbagna Novarese e a Mortara; ancora oggi, a causa dello stato di degrado dell'alveo, desta preoccupazione perché può straripare appena raggiunge un livello di poco superiore a quello della normale portata.[4]

Secondo rilevamenti fatti anni or sono, la portata massima dell'Arbogna-Erbognone è di circa 100 m³/s a Garbagna Novarese e di c.a 300 m³/s a Mortara, entrambe con tempo di ritorno di 300 anni.[5]

Portate medie mensili[modifica | modifica sorgente]

Portata media mensile (in m³/s)
Stazione idrometrica : Borgolavezzaro - Santa Maria (1999-2002)

Fonte : PTA: Bacini Idrografici - Agogna

La portata media dell'Arbogna-Erbognone è influenzata dai numerosi prelievi idrici che sono fondamentali per l'irrigazione delle risaie, anche se riducono (specie nei mesi di coltura) il corso ad un rigagnolo.

Fauna ittica[modifica | modifica sorgente]

La popolazione di pesci presenti è ben strutturata seppur la qualità delle acque non è delle migliori: la tinca, la carpa, il cavedano, il luccio, la scardola ed il siluro popolano il corso d'acqua.

Stato ambientale[modifica | modifica sorgente]

Sino al 2000 (alla località S.Maria di Borgolavezzaro) il campionamento eseguito dall'ARPA dava un valore pessimo delle acque[6], mentre nel 2005 dava un valore sufficiente, con conseguente miglioramento.[7]
Si sono verificate non poche morie di pesci[8], soprattutto per la poca acqua ed l'inquinamento (in particolare di Mercurio e metalli pesanti)[9].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ portata media Arbogna
  2. ^ Lavori torrente Arbogna in comune di Garbagna Novarese
  3. ^ Il Bacino dell'Arbogna, cfr. tra le cartine geografiche della città di Novara e quelle della provincia di Novara - 1995
  4. ^ Straripa ancora l’Arbogna, la protesta di un residente mentre il Comune tace
  5. ^ Calcolo delle portate di piena con tempo di Ritorno di 200-300 anni, studio Pacheco, torrente Arbogna
  6. ^ Studio idrologico torrenti Agogna ed Arbogna
  7. ^ Qualità delle acque superficiali (Agogna e Arbogna).
  8. ^ Moria di pesci nel torrente Arbogna
  9. ^ poca acqua e mercurio, ecco i "killer" dell'Arbogna

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]