ING Direct

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
ING Direct N.V.
Stato Paesi Bassi Paesi Bassi
Tipo Banca diretta
Fondazione 2001 (succursale italiana)
Gruppo ING
Settore Finanziario
Fatturato 23 miliardi di euro (in Italia) (2012)
Dipendenti 700 (in Italia) (2012)
Slogan «La tua banca a conti fatti»
Sito web www.ingdirect.it/

ING Direct N.V. è la Banca diretta leader a livello internazionale. ING Direct fa parte del Gruppo olandese ING, uno dei principali gruppi bancari e assicurativi al mondo, oggi presente in più di 40 Paesi.

ING Direct N.V. in cifre[modifica | modifica wikitesto]

Anno Numero di clienti
2010 23 milioni
2008 19 milioni
2005 15 milioni
2004 11,5 milioni
2003 8,5 milioni
2002 5 milioni
2001 2,6 milioni
2000 800mila
1999 300mila

Ha sostenuto nel 2008 il debito dell'Islanda, perdendo così in quell'anno il 25% delle quotazioni. Nell'ottobre 2008, Ing è stata ricapitalizzata dal governo olandese per affrontare la crisi in atto. Il governo ha utilizzato circa metà dei fondi predisposti per il salvataggio delle banche per l'acquisto di azioni privilegiate, per un valore di circa 10 miliardi di euro.[1] È stata stimata una perdita netta di circa 1 miliardo di euro a fine 2008. La banca olandese ha altresì annunciato "severi passi per ridurre rischi e costi" che prevedono, per il 2009, il taglio di settemila posti di lavoro.[2]

Ing Direct N.V. nel mondo[modifica | modifica wikitesto]

Ing Direct N.V. nel mondo
Stato Anno apertura filiale
Canada 1997
Australia 1999
Spagna 1999
Stati Uniti 2000
Francia 2000
Italia 2001
Regno Unito 2003
Germania 2004
Austria 2005

[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2003 il gruppo ING è main sponsor della Maratona di New York. Il gruppo è inoltre sponsor del Dutch National Museum di Amsterdam (the Rijksmuseum) e il Museum of Modern Art di New York. Il gruppo creditizio olandese ha siglato, nel 2005, un contratto di sponsorizzazione con la Scuderia Renault F1 di Formula 1. Alla fine della stagione 2009 l'azienda ha concluso la collaborazione: i motivi di questa decisione sono legati agli oneri troppo elevati per rinnovare annualmente la propria presenza nel circus di Bernie Ecclestone e la crisi economica che obbliga tutte le banche a ridurre i costi di iniziative di marketing. In seguito alla condanna espressa dal Consiglio Mondiale della FIA, ING Direct decide di interrompere immediatamente il suo rapporto di sponsorizzazione senza attendere la fine del campionato.[3].

ING Direct in Italia[modifica | modifica wikitesto]

ING Direct è presente in Italia dal 2001, anno in cui ha lanciato il conto di deposito Conto Arancio. Ad oggi l’offerta di prodotti si è arricchita e comprende: Conto corrente Arancio, mutui per acquisto e sostituzione, fondi d'investimento, assicurazione e prestiti. Tutti i prodotti di ING Direct sono gestiti direttamente online o telefonicamente. Altre modalità di accesso alla banca sono tramite smartphone, attraverso il sito mobile (m.ingdirect.it) e, da gennaio 2013, tramite l’applicazione per iPhone e Android con la quale è possibile gestire i propri conti e mutui, pagare bollettini postali fotografandoli e controllare l’andamento delle spese. ING Direct Italia è presente anche sul territorio nazionale con 13 filiali, la prima inaugurata il 19 settembre 2011 [4]. Inoltre, sono stati aperti complessivamente 24 Punti Arancio in vari centri commerciali d’Italia.

ING Direct Italia propone 6 linee di prodotti:

  • Conto corrente Arancio
  • Conto deposito Arancio
  • Mutuo Arancio a tasso fisso, variabile, rinegoziabile
  • Prestito personale
  • Investimenti Arancio
  • Assicurazione Vita

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dieci miliardi di euro per salvare Ing - Corriere della Sera
  2. ^ Ondata di licenziamenti: Ing 7mila, Philips 6mila e Caterpillar 20mila - Economia - ilGiornale.it
  3. ^ ING e Renault si separano, it.f1-live.com, 25 settembre 2009. URL consultato il 25 settembre 2009.
  4. ^ Dentro la zucca – Al via le filiali ING Direct

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Aziende Portale Aziende: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Aziende