Hydnum repandum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Hydnum repandum
HydnumRepandum.JPG
Hydnum repandum
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Phylum Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Cantharellales
Famiglia Hydnaceae
Genere Hydnum
Specie H. repandum
Nomenclatura binomiale
Hydnum repandum
L., 1753
Nomi comuni

Steccherino, Spinarolo

Caratteristiche morfologiche
Hydnum repandum
Cappello umbellato disegno.png
Cappello umbellato
Teeth icon.png
Imenio aculei
Decurrent gills icon2.svg
Lamelle decorrenti
Yellow spore print icon.png
Sporata gialla
Bare stipe icon.png
Velo nudo
Immutabile icona.png
Carne immutabile
Saprotrophic ecology icon.png
Saprofita
Foodlogo.svg
Commestibile

Hydnum repandum L., Species Plantarum: 1178 (1753).


L'Hydnum repandum è un fungo molto apprezzato e ricercato della famiglia delle Hydnaceae conosciuto ai più con l'appellativo volgare di "steccherino", per via degli aculei presenti sotto il cappello.
Esiste una specie molto somigliante che appartiene allo stesso genere, l'H. rufescens che però si distingue per il sapore leggermente più amaro dell'H. repandum e perché possiede aculei adnati e non decorrenti.

Descrizione della specie[modifica | modifica wikitesto]

Cappello[modifica | modifica wikitesto]

Compatto, convesso o depresso al centro e irregolarmente lobato all'orlo; color bianco-giallastro, a volte quasi grigio .

Aculei[modifica | modifica wikitesto]

Fitti cilindro-conici, corti, fragili, ottusi all'apice e biancastri o color rosa-salmone, decorrenti sul gambo (adnati nell'Hydnum rufescens).

Gambo[modifica | modifica wikitesto]

Spesso eccentrico, grosso, cilindrico, tomentoso; color biancastro o concolore al cappello.

Carne[modifica | modifica wikitesto]

Bianca, soda, fragile, a volte friabile.

  • Odore: gradevole, fungino.
  • Sapore: dolce con retrogusto amarognolo.
Illustrazione di H. repandum

Spore[modifica | modifica wikitesto]

6,5-9 x 5,5-7 μm , bianche in massa, arrotondate o ellissoidali.

Habitat[modifica | modifica wikitesto]

Fruttifica gregario o grandi-cerchi in estate-autunno, nei boschi di aghifoglie e latifoglie.

Commestibilità[modifica | modifica wikitesto]

Le caratteristiche organolettiche dipendono dal luogo di crescita e dall'età dei carpofori:

  • buona quella dei carpofori giovani, anche quelli di dimensioni generose;
  • discreta negli esemplari più maturi, mediocre quella degli esemplari troppo vecchi.

Le opinioni circa la commestibilità dell'H. repandum sono varie, da mediocre commestibile a eccellente.

Alcune associazioni micologiche suggeriscono di eliminare gli aculei, considerati amarognoli.[1]

Specie simili[modifica | modifica wikitesto]


Nomi comuni[modifica | modifica wikitesto]

  • Carpignolo
  • Carpinello
  • Spino
  • Spinarolo
  • Steccherino dorato
  • Barba di capra
  • Dentino
  • Trippa di pecora

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Dal latino repandum = ripiegato all'insù, per il modo di presentare l'orlo del cappello.

Sinonimi e binomi obsoleti[modifica | modifica wikitesto]

  • Dentinum repandum (L.) Gray, A Natural Arrangement of British Plants (London) 1: 650 (1821)
  • Dentinum rufescens (Schaeff.) Gray, A Natural Arrangement of British Plants (London) 1: 650 (1821)
  • Fungus erinaceus Vaill., Bot. paris.: 58 (1723)
  • Hydnum album Pers., Traité sur les Champignons Comestibles (Paris): 249 (1818)
  • Hydnum aurantium Raf., J. Bot. (Desvaux) 1: 237 (1813)
  • Hydnum bicolor Raddi, Mem. Mat. Fis. Soc. Ital. Sci. Modena, Pt. Mem. Fis. 13: 353 (1807)
  • Hydnum bulbosum Raddi, Mem. Mat. Fis. Soc. Ital. Sci. Modena, Pt. Mem. Fis. 13: 353 (1807)
  • Hydnum clandestinum Batsch, Elench. fung. (Halle): 113 (1783)
  • Hydnum diffractum Berk., J. Bot. 6: 323 (1847)
  • Hydnum flavidum Schaeff., Fungorum qui in Bavaria et Palatinatu circa Ratisbonam nascuntur 4: 99 (1774)
  • Hydnum imbricatum sensu Bolton [Hist. Fung. Halifax 2: 88 (1788)]; fide Checklist of Basidiomycota of Great Britain and Ireland (2005)
  • Hydnum medium Pers., Observationes mycologicae (Lipsiae) 2: 97 (1800) [1799]
  • Hydnum pallidum Raddi, Mem. Mat. Fis. Soc. Ital. Sci. Modena, Pt. Mem. Fis. 13: 353 (1807)
  • Hydnum rufescens Schaeff., Fungorum qui in Bavaria et Palatinatu circa Ratisbonam nascuntur 4: 95 (1774)
  • Hydnum rufescens sensu auct.; fide Checklist of Basidiomycota of Great Britain and Ireland (2005)
  • Hydnum washingtonianum Ellis & Everh., Proc. Acad. Nat. Sci. Philadelphia, 1891 46: 323 (1894)
  • Hypothele repanda (L.) Paulet, Icon. Champ. (1812)
  • Sarcodon abietinus R. Heim [as 'abietinum'], Revue Mycol., Paris 8: 10 (1943)
  • Sarcodon repandus (L.) Quél., Enchiridion Fungorum, in Europa Media Præsertim in Gallia Vigentium (Paris): 189 (1886)
  • Tyrodon repandus (L.) P. Karst., Revue mycol., Toulouse 3(9): 19 (1881)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Associazione nuovamicologia


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

(EN) Hydnum repandum in Index Fungorum, CABI Bioscience.

micologia Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia