Hero Tales - Le cronache di Hagun

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Hero Tales - Le cronache di Hagun
manga
Copertina italiana del primo volume
Copertina italiana del primo volume
Titolo originale Jūshin Enbu
Testi Huang Jin Zhou
Disegni Hiromu Arakawa
Editore Square Enix
1ª edizione 2006 – 12 agosto 2010
Collana 1ª ed. Gangan Powered
Periodicità Mensile
Tankobon 5 (completa)
Editore it. Panini Comics
1ª edizione it. 13 maggio 2010 – 19 maggio 2011
Tankobon it. 5 (completa)
Genere
Jūshin Enbu -HERO TALES-
serie TV anime
Jūshin Enbu HERO TALES anime.png
Titolo originale Jūshin Enbu -HERO TALES-
Autore Jin-Zhou Huan
Regia Osamu Sekita
Character design Hiromu Arakawa
Direzione artistica Kuniaki Nemoto
Studio
Musiche Tamiya Terashima
Reti
1ª TV 7 ottobre 2007 – 30 marzo 2008
Episodi 26 (completa)
Durata ep. 25 min

Hero Tales - Le cronache di Hagun (獣神演武 Jūshin Enbu?) è un manga ed anime illustrato da Hiromu Arakawa e scritto da Jin-Zhou Huan. La storia è incentrata attorno alla cultura e al folklore cinese, in particolare sul sottogenere letterario delle arti-marziali denominato wuxia, non mancando di azione e combattimenti. Il manga è pubblicato mensilmente sul Gangan Powered a partire dal 2006, mentre dal 7 ottobre 2007 è iniziata la serie anime, creata dallo studio Flag. In Italia il manga è stato pubblicato dalla Panini facendo uscire i primi quattro volumi da maggio 2010 a agosto 2010, mentre l'ultimo è stato pubblicato a maggio 2011.

Dato lo scarso successo ottenuto in Giappone, il manga si appresta a concludersi il 12 agosto 2010 con la pubblicazione dell'ultimo capitolo[1]. La serie è composta in totale da 5 tankobon.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Le vicende di Hero Tales ruotano attorno ai sette eroi dell'Hokushin Tenkun, ovvero le sette persone che dentro di loro portano il potere delle stelle dell'Orsa Maggiore. Tra questi sette eroi i più potenti sono Hagun e Tonrou, che secondo la profezia si contenderanno il dominio del mondo. Taito Shirei porta dentro di se il potere di Hagun senza saperlo, per questo vive una vita serena con sua sorella Raira. Taito fa parte del gruppo seiryuutou (nella mitologia cinese, il seiryuutou è il drago blu), che lotta costantemente contro il genroutou (lett. "Gruppo del lupo nero"). Così un giorno dopo una battaglia contro il genroutou nella quale Taito esce vittorioso, il nostro protagonista incontra Ryuuko che si rivelerà essere poi uno dei sette eroi ovvero "Bukyoku" e cioè la stella più vicina ad Hagun. Taito deve affrontare Ryuuko in un esame che lo farà diventare adulto. Purtroppo per poter superare l'esame bisogna perderlo cosa che secondo Taito non potrà mai avvenire. Però Hagun ha la peggio e quindi come regalo a Taito viene donata la Kenkaranbu ovvero la spada del conquistatore (però questa spada può essere estratta solo da un vero eroe). Da lì a poco la spada viene sottratta da Shimei il quale dice a Taito di far parte del Genroutou, ma poi lo smentisce nel quarto volume. Nell'occasione dello scontro Taito vedendo che Shimei sta per uccidere Raira, rivela il suo potere perdendo il controllo. Riesce ad estrarre la Kenkaranbu e la lancia contro Shimei che ne viene trafitto e scaraventato contro un muro. Alla fine Raira fa calmare Taito in un modo piuttosto buffo (con una testata) che fa riprendere Taito che si arrabbia con la sorella. In seguito Taito nota che il corpo di Shimei è sparito assieme alla kenkaranbu. Decide, così, di partire da solo. però per vari motivi, al gruppo si aggiungono anche Raira e Ryuuko. Dopo la loro partenza al gruppo si aggiungeranno anche le altre stelle che aiuteranno Taito verrà a conoscenza del fatto che il comandante del Genroutou, il generale Keiro è Tonrou e il quel momento capisce che è stato Keiro a mandare Shimei al suo villaggio per la kenkaranbu, e quindi capisce che se rivuole la spada deve trovare il Generale Keiro ed è così che avrà inizio una storia che seppur corta possiede molti misteri e momenti avvincenti.

Capitoli[modifica | modifica sorgente]

Titolo italiano
GiapponeseKanji」 - Rōmaji
Data di prima pubblicazione
Giappone Italia
1 Hero Tales - Le cronache di Hagun 1
「獣神演武 1」 - Jūshin Enbu 1
11 agosto 2007
ISBN 978-4-75-752065-3
13 maggio 2010
Capitoli
  • 01. Hagun ruggisce (破軍吼ゆる Hagun kou yuru?)
  • 02. Piove... (雨降りて... Ame ori te...?)
  • 03. La notte delle stelle cadenti (星の降る夜 Hoshi no furu yoru?)
2 Hero Tales - Le cronache di Hagun 2
「獣神演武 2」 - Jūshin Enbu 2
22 gennaio 2008
ISBN 978-4-75-752208-4
10 giugno 2010
Capitoli
  • 04. L'ombra del lupo (狼の影 Ōkami no kage?)
  • 05. Effimero (うたかた Utakata?)
  • 06. Notte stellata (そこにある闇 Sokoniaru yami?)
  • 07. Tramando qualcosa... (蠢動せし... Shundō seshi...?)
3 Hero Tales - Le cronache di Hagun 3
「獣神演武 3」 - Jūshin Enbu 3
22 settembre 2008
ISBN 978-47-5-752325-8
8 luglio 2010[2]
Capitoli
  • 08. Le fauci del lupo lunare (月狼の贄 Tsuki ōkami no ago?)
  • 09. La notte del sacrificio (贄の夜 Nie no yoru?)
  • 10. Strade separate (うしなわれしものたち Ushinawa reshimono tachi?)
  • 11. Il dragone nero (黒き龍 Kuroki ryū?)
4 Hero Tales - Le cronache di Hagun 4
「獣神演武 4」 - Jūshin Enbu 4
22 giugno 2009
ISBN 978-47-5-752581-8
19 agosto 2010
Capitoli
  • 12. Legame doloroso (- -?)
  • 13. I cinque Goshintoushin (新たなる者 Arata naru mono?)
  • 14. Ali spezzate (散ル羽根落布 Chiru hane rakufu?)
  • 15. Il luogo prescelto (在処 Arika?)
5 Hero Tales - Le cronache di Hagun 5
「獣神演武 5」 - Jūshin Enbu 5
22 novembre 2010[3] 19 maggio 2011[4]

Musiche[modifica | modifica sorgente]

Opening[modifica | modifica sorgente]

"Winterlong" dei Beat Crusaders
"Flashback" degli High and Mighty Color

Ending[modifica | modifica sorgente]

"Kakegae no nai Hito e (かけがえのない人へ)" di Mai Hoshimura
"Komorebi no Uta" degli High and Mighty Color

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ “Hero Tales” di Hiromu Arakawa giunge al termine. URL consultato l'8 luglio 2010.
  2. ^ Inizialmente previsto per il 15 luglio.
  3. ^ Amazon.co.jp: 獣神演武 5 (ガンガンコミックス): 荒川 弘, 黄金周: 本
  4. ^ [1] il manga è composto da 264 pagine e saranno presenti anche alcune pagine a colori

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]