Hemigrammus erythrozonus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Hemigrammus erythrozonus
Tetra Glowlight.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Characiformes
Sottordine Characoidei
Famiglia Characidae
Sottofamiglia Incertae sedis
Genere Hemigrammus
Specie H. erythrozonus
Nomenclatura binomiale
Hemigrammus erythrozonus
Durbin, 1909
Hemigrammus erythrozonus

Hemigrammus erythrozonus Durbin, 1909 è un pesce d'acqua dolce appartenente alla famiglia Characidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è diffusa nelle acque acide del fiume Essequibo, in Guyana (Sudamerica). Predilige le zone ricche di vegetazione acquatica.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Presenta un corpo compresso lateralmente, non particolarmente alto e di piccole dimensioni, con il ventre più gonfio negli esemplari femminili. La lunghezza massima registrata è infatti di 3,3 cm. La colorazione è prevalentemente argentea; talvolta il corpo è quasi trasparente e possono essere visibili gli organi interni. A circa metà del corpo è presente una linea orizzontale molto evidente, rossa od arancione, che parte dalla bocca e termina sul peduncolo caudale. Le pinne sono trasparenti, e la pinna caudale è biforcuta.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Nuota banchi di cinque-dodici esemplari.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

È onnivoro e si nutre sia di alghe che di invertebrati come vermi, in particolare anellidi, e crostacei di piccole dimensioni[1].

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

È oviparo e la fecondazione è esterna. Le uova vengono abbandonate subito dopo la deposizione; non ci sono cure verso di esse[2].

Acquariofilia[modifica | modifica sorgente]

È una specie molto comune negli acquari anche perché vive in gruppi e si può riprodurre in cattività.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ H. erythrozonus. URL consultato il 6 febbraio 2014.
  2. ^ Riproduzione. URL consultato il 6 febbraio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci