Hans Enn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hans Enn
Hans Enn Zagreb 2009.jpg
Hans Enn a Zagabria nel 2009
Dati biografici
Nazionalità Austria Austria
Altezza 167 cm
Peso 64 kg
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Supergigante, slalom gigante
Squadra Hinterglenn
Ritirato 1989
Palmarès
Olimpiadi 0 0 1
Mondiali 0 0 1
Campionati austriaci[1] 5 4 3
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Hans Enn (Saalbach, 10 maggio 1958) è un ex sciatore alpino austriaco.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Gigantista dei primi anni ottanta, ma in grado di aggiudicarsi anche un supergigante, Hans Enn, originario di Hinterglemm, in carriera ho ottenuto sei successi in Coppa del Mondo e tra questi anche il prestigioso successo nel gigante di Adelboden in Svizzera.

Ha vinto anche una medaglia di bronzo, arrivando alle spalle di Ingemar Stenmark e Andreas Wenzel, ai XIII Giochi olimpici invernali di Lake Placid 1980 negli Stati Uniti, medaglia valida anche ai fini del Mondiali 1980.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Olimpiadi[modifica | modifica sorgente]

Coppa del Mondo[modifica | modifica sorgente]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 7º nel 1980
  • 22 podi (16 in slalom gigante, 5 in supergigante, 1 in combinata):
    • 6 vittorie (5 in slalom gigante, 1 in supergigante)
    • 9 secondi posti
    • 7 terzi posti

Coppa del Mondo - vittorie[modifica | modifica sorgente]

Data Luogo Paese Disciplina
26 febbraio 1980 Waterville Valley Stati Uniti Stati Uniti GS
29 gennaio 1983 Kranjska Gora Jugoslavia Jugoslavia GS
10 dicembre 1983 Val-d'Isère Francia Francia SG
17 marzo 1984 Åre Svezia Svezia GS
23 marzo 1984 Oslo Norvegia Norvegia GS
25 gennaio 1985 Adelboden Svizzera Svizzera GS

Campionati austriaci[modifica | modifica sorgente]

  • Campione austriaco di slalom gigante nel 1978 e nel 1983[1]
  • Campione austriaco di slalom speciale nel 1978[1]
  • Campione austriaco di combinata nel 1977 e nel 1978[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d ÖSV-Siegertafel. URL consultato il 16 novembre 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]