Guerra tra i pianeti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Guerra tra i pianeti
Killersfromspace1954USPD.JPG
Un alieno in una scena del film
Titolo originale Killers from Space
Lingua originale Inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1954
Durata 71 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere fantascienza
Regia W. Lee Wilder
Soggetto Myles Wilder
Sceneggiatura Bill Raynor
Casa di produzione W. Lee Wilder Productions
Fotografia William H. Clothier
Montaggio William Faris
Musiche Manuel Compinsky
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Guerra tra i pianeti (Killers from Space) è un film di fantascienza del 1954 diretto dal regista W. Lee Wilder.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Douglas Martin è uno scienziato che lavora sui test nucleari militari. Durante un volo nel quale raccoglie i dati, Doug ha un incidente e l'aereo si schianta al suolo. Si riprende all'ospedale dei militari ritrovandosi incolume dall'incidente, tranne che per una strana cicatrice sul petto. Inoltre sembra non ricordarsi nulla dell'incidente e inizia a comportarsi in modo strano, così le autorità chiamano l'FBI sospettando che sia una spia del nemico. Viene così cancellato e ordinato di prendere una pausa e nonostante le proteste lo escludono dal suo stesso progetto.

I test atomici di Doug sono eseguiti a sua insaputa, così lui ruba i risultati e poi torna in macchina alla zona dove il suo aereo si era schiantato e li nasconde sotto una roccia. L'agente dell'FBI che le autorità avevano richiamato, e che lo aveva pedinato, si mette ad inseguirlo fino alla sua cattura. Riportato all'ospedale, Doug viene somministrato al siero della verità e racconta di essere stato catturato da una razza di extraterrestri provenienti da Astron Delta e portato nella loro base sotterranea. Secondo il suo racconto, questi alieni dotati di occhi abnormi pianificano di conquistare la Terra sterminando gli umani con rettili e insetti diventi giganti per via delle radiazioni prodotte dai test atomici.

Doug intuisce che gli alieni hanno utilizzato dell'energia elettrica rubata per controllare il loro potente apparato e hanno bisogno dei risultati del suo test nucleare che ha nascosto per prevenire quando l'energia sarà innescata per poterla controllare, e che lo devono aver ipnotizzato per impossessarsi dei risultati e poi gli hanno cancellato la memoria. L'agente dell'FBI e il Colonnello Banks sono però increduli alla storia di Doug, così decidono di segregarlo nell'ospedale.

Con alcuni calcoli eseguiti con un regolo calcolatore, Doug determina che se disattiverà il generatore elettrico dal quale gli alieni prendono l'energia per almeno dieci secondi, causerà un sovraccarico alle loro apparecchiature di distruzione. Doug riesce a sfuggire dall'ospedale, raggiungere il generatore elettrico e convince un tecnico a spegnerlo come aveva calcolato, così la base sotterranea degli invasori alieni esplode salvando la Terra dalla minaccia.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu distribuito in Italia dalla Globe Films International con un certo ritardo, nel 1957, doppiato dalla CDC.

La pellicola è entrata nel pubblico dominio negli Stati Uniti.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

« (...) firmato dal regista William Lee Wilder, fratello del grande Billy Wilder. Il film è ricordato soprattutto per la presenza degli alieni fasciati dalla testa ai piedi in tute di calzamaglia e muniti di due occhi grossi come due uova sode ed inespressivi come due grosse pietre. »
(Fantafilm[1])

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis (a cura di), Guerra tra i pianeti in Fantafilm.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]