Guenter Lewy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Guenter Lewy (1923) è uno storico tedesco naturalizzato statunitense, docente emerito di Scienze politiche all'University of Massachusetts.

Nato in Germania, lasciò il Paese nel 1939 e visse prima nella Palestina britannica e in seguito negli Stati Uniti. Lavorò presso la Columbia University, lo Smith College e l'University of Massachusetts. Attualmente vive a Washington.

Lewy è un sostenitore dell'unicità della Shoah subita dagli ebrei sotto il nazismo, e per questo propone un'interpretazione molto ristretta della categoria storiografica di genocidio, da lui attribuibile solo alle azioni pianificate intenzionalmente. Ad esempio, ne Il massacro degli armeni, Lewy afferma che non è corretto applicare questa categoria al massacro subito dagli armeni a opera dell'Impero ottomano durante la Prima guerra mondiale. Accusato per questo di negazionismo da parte degli stessi armeni, Lewy tuttavia non disconosce né la gravità delle perdite, né le responsabilità turche; la sua scelta di non considerare i massacri come un genocidio dipende dal fatto che il regime dei Giovani Turchi non ha, stando alla sua ricostruzione, pianificato intenzionalmente i massacri.

Bibliografia in italiano[modifica | modifica wikitesto]

  • La persecuzione nazista degli zingari;
  • I nazisti e la Chiesa;
  • Il massacro degli Armeni. Un genocidio controverso.

Controllo di autorità VIAF: 98006990 LCCN: n82028091