Gruccia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Varie forme di gruccia in vari materiali

Una gruccia, anche chiamato appendino, appendiabiti o ometto, è un accessorio usato per reggere abiti al fine di stoccarli in armadi o appositi espositori. Un sinonimo piuttosto diffuso su base regionale è stampella[1].

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

La storia della gruccia risale al XIX secolo, si narra che fu Thomas Jefferson (17431826) presidente degli Stati Uniti d'America e inventore (infatti inventò fra le altre cose un cifrario, noto all'epoca con il nome di Wheel Cypher, più tardi divenuto anche famoso come Rullo di Jefferson) ad inventare il prototipo del gancio di legno per i vestiti.

Quello a filo è stato ispirato da un appendiabiti che è stato inventato nel 1869 da O. A. dello stato del Connecticut. L'invenzione è stata poi attribuita ad un dipendente della Wire Timberlake e Novelty Company, Albert J. Parkhouse di Jackson, in Michigan.[2]

Grucce in un contesto di utilizzo

Nel 1906 Meyer May, un commerciante di Grand Rapids, Michigan,[3] divenne il primo rivenditore di tali articoli.

Nel 1932 Schuyler C. Hulett brevettò una progettazione migliore che faceva prevenire le possibili pieghe , e nel 1935 Elmer D. Rogers aggiunse la barra inferiore.

Tipologia[modifica | modifica sorgente]

Immagine dei due tipi di gruccia

La gruccia può essere di vari tipi a seconda del tipo di abito che deve sorreggere, può essere a forma di o avere:

  • spalle, per appendere facilmente i vestiti senza gualcirli, viene utilizzata per indumenti quali cappotto, giacca, maglione, camicia, ovvero quelli adibiti alle parti superiori del corpo a cui si può aggiungere una barra inferiore per appenderci pantaloni o gonne.
  • Morsetto a clip, barra inferiore o scorsoio, per appendere facilmente alcuni tipi di indumenti, quali pantaloni, gonne o kilt, ovvero quelli adibiti alle parti inferiori del corpo.

Materiali[modifica | modifica sorgente]

Quest'articolo può essere realizzato con diversi materiali, che in parte ne può vincolare la forma, il materiale più vincolante è il filo di ferro, che se realizzato tramite filo sottile permette solo la forma di triangolo, ma se viene utilizzato uno spessore maggiore può essere realizzato in varie forme, mentre il legno e la plastica vengono realizzati in diverse forme e varianti.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ «stampella», Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia italiana
  2. ^ Mary Elizabeth Salzmann, Accordion to Zeppelin: Inventions from A to Z, a cura di Diane Craig, ABDO Group, 2008, p. 11, ISBN 978-1-60453-008-7.
  3. ^ Laura Rose Ashlee, Traveling Through Time: A Guide to Michigan's Historical Markers, University of Michigan Press, 2005, p. 228, ISBN 978-0-472-03066-8.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

moda Portale Moda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di moda