Glyphonycteris sylvestris

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Glyphonycteris sylvestris
Immagine di Glyphonycteris sylvestris mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Laurasiatheria
Ordine Chiroptera
Sottordine Microchiroptera
Famiglia Phyllostomidae
Sottofamiglia Phyllostominae
Genere Glyphonycteris
Specie G.sylvestris
Nomenclatura binomiale
Glyphonycteris sylvestris
Thomas, 1896
Areale

Distribution of Glyphonycteris sylvestris.png


Glyphonycteris sylvestris (Thomas, 1896) è un pipistrello della famiglia dei Fillostomidi diffuso nell'America centrale e meridionale.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Dimensioni[modifica | modifica sorgente]

Pipistrello di piccole dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 55 e 70 mm, la lunghezza dell'avambraccio tra 37 e 43 mm, la lunghezza della coda tra 8 e 15 mm, la lunghezza del piede tra 11 e 12 mm, la lunghezza delle orecchie tra 20 e 22 mm e un peso fino a 11 g.[3]

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

La pelliccia è lunga, lanuginosa e con i singoli peli tricolori. Le parti dorsali sono bruno-grigiastre scure, mentre le parti ventrali sono giallo-brunastre o grigio chiare. Il muso è allungato, provvisto di una foglia nasale lanceolata con la porzione anteriore larga e separata dal labbro superiore. Sul mento è presente un solco longitudinale contornato da un cuscinetto carnoso a forma di V. Le orecchie sono grandi, separate tra loro, triangolari ed appuntite. Il trago è piccolo, triangolare ed appuntito. La coda è corta ed è completamente inclusa nell'uropatagio. Il calcar è più corto del piede. Il cariotipo è 2n=22 FNa=40.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Si rifugia in gruppi fino a 75 individui all'interno di cavità di alberi o grotte.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si nutre di grossi insetti come blatte, libellule, Katididae catturati sulla vegetazione d'acqua e di frutta.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è diffusa nel Messico dagli stati occidentali di Nayarit e Veracruz, Honduras e Nicaragua orientali, Costarica occidentale, Panama, Colombia settentrionale e orientale, Venezuela, Guyana, Suriname, Guyana francese, Peru orientale, Brasile occidentale, centrale e sud-orientale, Bolivia settentrionale e isola di Trinidad.

Vive nelle foreste di pianura decidue e sempreverdi fino a 1.100 metri di altitudine.

Stato di conservazione[modifica | modifica sorgente]

La IUCN Red List, considerato il vasto areale, la tolleranza a diversi tipi di habitat e la popolazione presumibilmente numerosa, sebbene gli individui più meridionali siano minacciati dalla perdita del proprio habitat, classifica G.sylvestris come specie a rischio minimo (LC).[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Zortea, M., Sampaio, E., Lim, B., Peters, S. & Arroyo-Cabrales, J. 2008, Glyphonycteris sylvestris in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Glyphonycteris sylvestris in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Reid, 2009, op. cit.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Alfred L. Gardner, Mammals of South America, Volume 1: Marsupials, Xenarthrans, Shrews, and Bats, University Of Chicago Press, 2008. ISBN 9780226282404
  • Fiona A. Reid, A field guide to the Mammals of Central America and Southeast Mexico, Oxford University Press, 2009. ISBN 9780195343236

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi