Giuseppe Apolloni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giuseppe Apolloni (Vicenza, 8 aprile 1822Vicenza, 31 dicembre 1889) è stato un compositore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Si formò a Vicenza dove visse fino al 1848, laureandosi in legge e studiando musica con Andrea Casalini e Francesco Canedi[1] (o Cannetti[2]). Quindi si trasferì a Firenze per motivi politici.[2]

Tornato a Vicenza nel 1852, si dedicò alla composizione, scrivendo per il Teatro Eretenio la sua prima opera, Adelchi, rappresentata il 14 ottobre 1852, e per Venezia L'ebreo (25 gennaio 1855, Teatro La Fenice), che ottenne molto successo[2], tanto che anche l'opera precedente venne riproposta il 26 dicembre 1856. L'ebreo venne in seguito rappresentato anche in altre città e all'estero[2] (Odessa,1867/68).

Le altre tre opere di Apolloni (Pietro D'Abano, Venezia 1856; Il conte di Königsmark, Firenze 1866; Gustavo Wasa, Trieste 1872) ebbero molto meno successo.

Apolloni compose anche I canti dell’Appennino, una rapsodia sinfonica su temi popolari, e alcune composizioni sacre. Uno Stabat mater, lasciato incompiuto e terminato da altri musicisti, venne eseguito al Teatro Eretenio di Vicenza all'inizio del 1890 come commemorazione di Apolloni.[3]

François Fétis[4] nella sua Biographie universelle des musiciens, scrisse che L'Ebreo aveva affascinato il pubblico con il suo vigore e l'abbondanza d'ispirazione, che però Apolloni, musicista d'istinto limitato da una formazione mancante di solidità, non aveva saputo rinnovare nelle opere successive.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Fernando Battaglia, libretto allegato al CD L'Ebreo, Bongiovanni 1989
  2. ^ a b c d Giovanni Masutto, I maestri di musica italiani del XIX secolo, Venezia, Stab. Tipografico Cecchini, 1884, pagine 7/8
  3. ^ In memoria del maestro Apolloni, La Stampa, 25 gennaio 1890, pagina 3
  4. ^ Apolloni (Giuseppe), in François-Joseph Fétis, Biographie universelle des musiciens et bibliographie générale de la musique. Supplément et complément, vol. 1, Parigi, Firmin-Didot (Paris), 1878-1880

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Dizionario dell'Opera, Baldini&Castoldi
  • Palmiero Oreste, Giuseppe Apolloni compositore vicentino (1822-1889), Accademia Olimpica, Vicenza, 2000.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 33143568