Giovanni di Gorze

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Giovanni di Gorze

Abate

Nascita 900 circa
Morte 976
Venerato da Chiesa cattolica
Ricorrenza 27 febbraio

Giovanni di Gorze, al secolo Jean de Vandières, (... – 7 marzo 976), è stato un abate franco, riformatore della Regola benedettina, che è venerato come santo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato in una famiglia ricca e pia, Giovanni ricevette un'accurata formazione, prima a Metz e successivamente nel monastero benedettino di Saint-Mihiel.

Alla morte del padre dovette occuparsi della gestione del patrimonio di famiglia, fino a che non ne furono in grado i fratelli. Il conte Ricuino lo nominò curato della chiesa di Saint-Pierre de Vandières, allora di sua proprietà ed allo stesso modo un nobile di nome Warnier gli offrì la cura della chiesa di San Lorenzo di Fontenoy-sur-Moselle.

Jean de Vandières aspirava ad una vita di asceta e ne cercò la via. Si recò quindi in pellegrinaggio in Italia a visitare alcuni monasteri, insieme ad altri amici chierici come lui, tra i quali l'arcidiacono Einoldo di Toul. Di ritorno in Lotaringia si ripropose, con i suoi compagni di viaggio, di entrare in uno dei monasteri italiani visitati ma il vescovo di Metz Adalberone I, venuto a conoscenza dei loro progetti, propose loro la rifondazione di un'abbazia a Gorze. Così, nel 934, Jean de Vandières ed i suoi amici entrarono nell'abbazia di Gorze. Essi si dedicano a riformare la regola benedettina, facendo sì che la vecchia abbazia (allora in territorio germanico) diventasse la punta di lancia di un movimento che si estese successivamente a tutto l'impero.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Riforma di Gorze.

Egli ottenne da Bosone, conte di Champagne, la restituzione del Vanou. Nel 953 accettò di condurre un'ambasciata per conto di Ottone I presso Abd al-Rahman III, califfo di Cordova in Spagna, rimanendovi prigioniero fino al 956.

Rientrato a Gorze, divenne abate nel 968, succedendo ad Einoldo. Terminò i suoi giorni come abate di Gorze.

Culto[modifica | modifica sorgente]

La sua santità, non caratterizzata da alcun miracolo, fu riconosciuta solo in epoca moderna e solamente tramite gli agiografi benedettini. Un acppella gli è dedicata nella chiesa di Vandières ma egli non venne mai ufficialmente canonizzato dalla Chiesa cattolica.

La sua vita è descritta da Jean de Saint-Arnoul in un testo agiografico in lingua latina, la Historia de vita Johannis Gorzie coenobii abbatis.

Viene ricordato il 27 febbraio.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (FR) Jean de Saint-Arnoul, La vie de Jean, abbé de Gorze, présentée et trad. par Michel Parisse, Paris, Picard, 1999. ISBN 2-7084-0581-0

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

San Giovanni di Gorze in Santi, beati e testimoni - Enciclopedia dei santi, santiebeati.it.

Controllo di autorità VIAF: 18095715 LCCN: no00095159