Giovanni Maimeri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Conversazione, 1919 (Fondazione Cariplo)

Giovanni Maimeri o Gianni (Varano, 1884Milano, 1951) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Autodidatta, compie la sua formazione tra Venezia e Milano dove frequenta lo studio di Leonardo Bazzaro a partire dal 1906. L’incontro con Emilio Gola nel 1908 è decisivo nell’evoluzione delle sue ricerche artistiche di impronta naturalista, rivolte allo studio dell’incidenza della luce sui corpi e del ruolo dei colori. Nel 1910 esordisce all’Esposizione di Belle Arti presso la Società Permanente con alcuni soggetti tratti dalla vita notturna milanese, un paesaggio e figure. Gli stessi temi, ripetutamente affrontati nel corso degli anni Dieci, confluiscono nella sua prima personale allestita presso la Galleria Geri di Milano nel 1918. Risale al 1923 l’idea di avviare la fabbricazione industriale di colori per uso artistico con la collaborazione del fratello Carlo, laureato in ingegneria chimica. Dal 1929 si dedica all’esecuzione di vedute dei navigli milanesi, soggetti destinati a divenire caratteristici della sua produzione, presentati l’anno successivo presso il salone del Giornale dell’Arte. Sistematicamente escluso dall’Esposizione Internazionale d’Arte della città di Venezia e dalle Mostre del Sindacato Fascista, continua l’attività espositiva negli anni Quaranta presso le più importanti gallerie private di Milano e Roma.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]