Giovanni Filippo Criscuolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Adorazione del Bambino e santi, 1545, Museo di Capodimonte

Giovanni Filippo Criscuolo (Gaeta, 1495 – fra il 1570 e il 1584) fu un pittore di Gaeta del tardo Rinascimento.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studia alla scuola di Andrea da Salerno e presso Perino del Vaga a Roma. Suo fratello Giovanni Angelico e sua sorella Mariangiola furono anch'essi pittori. Inizia la sua carriera di pittore nel 1529, aiutando Andrea da Salerno nella realizzazione di opere per il monastero di Montecassino. Poco dopo il suo maestro muore e Criscuolo diventa il pittore di riferimento nella natia Gaeta, dove collabora al ciclo della "Grotta d'oro" alla Chiesa dell'Annunziata nel 1531: 19 tele in cornici dorate intagliate in piccoli pilastri. Dopodiché scappa a Roma, come già accennato, per contrasti con il padre; alla scuola di Perino del Vaga viene influenzato dai capolavori di Raffaello Sanzio.

Del 1529 è anche un altro dipinto: Sant'Andrea nella chiesa di Santa Maria delle Grazie a Napoli, dove realizza anche una Madonna con Bambino. Sempre a Napoli si possono ammirare l'Adorazione dei Magi nella chiesa di Santa Maria del Rosario, nella chiesa di San Lorenzo il suo Cristo che porta la Croce.

Inoltre sono di sua mano un quadro su S. Domenico nella chiesa omonima e le Storie della Vergine conservate al Museo Pignatelli.

Nella sua ampia produzione sono catalogate anche opere presso il Duomo di Ravello, una tavola con Madonna col Bambino alla Cattedrale di Sant'Erasmo a Gaeta, una Crocifissione oggi nei locali del Banco di Napoli e le Storie cristologiche di San Paolo Maggiore.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Farquhar, Maria (1855). in Ralph Nicholson Wornum: Biographical catalogue of the principal Italian painters. Woodfall & Kinder, Angel Court, Skinner Street, London; Digitized by Googlebooks from Oxford University copy on Jun 27, 2006, page 52.
  • Hobbes, James R. (1849). Picture collector's manual adapted to the professional man, and the amateur. T&W Boone, 29 Bond Street; Digitized by Googlebooks, page 68.
  • Marina Minozzi, “La Collezione d’Arte del Sanpaolo Banco di Napoli” a cura di Anna Coliva.
  • Filippo Baldinucci e Domenico Maria Manni, Opere di Filippo Baldinucci, Società tipografica de'Classici italiani, 1811.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]