Giovanni Buridano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Buridano, conosciuto anche come Jean Buridan o in latino Ioannes Buridanus (Béthune?, 1295-1300 circa – 1361), è stato un filosofo e logico francese, maestro delle arti a Parigi e Magnifico Rettore dell'Università di Parigi nel 1328 e nel 1340.

Allievo di Guglielmo di Ockham segue nella logica la dottrina nominalista: solo le particolari entità esistenti sono reali mentre gli universali sono dei concetti astratti che valgono solo come nomi.

Dottrine fisiche[modifica | modifica sorgente]

Buridano fu uno dei sostenitori della teoria dell'impeto, secondo la quale un corpo in moto possiede un impeto che lo porta a proseguire il moto anche in assenza di forze esterne. Questa teoria, la cui origine è rintracciabile negli scritti di Giovanni Filopono, del VI secolo,[1] precorse in parte il principio d'inerzia che sarà enunciato nella prima età moderna.[2]

Nelle Questioni sugli otto libri della Fisica di Aristotele Buridano confutò la teoria di Aristotele secondo cui la continuazione del moto del proietto è dovuta all' aria la quale, in qualche modo, gli trasmette l' azione motrice:

« Possiamo dunque e dobbiamo dire che al sasso o a un altro proietto viene impressa una tale cosa, la quale è la virtù motrice di quel proietto, e ciò pare meglio che ricorrere all' azione dell' aria per far muovere il proietto. Pare infatti piuttosto che l' aria resista al moto. Mi sembra perciò che si debba dire che il motore, muovendo il mobile, gli imprime un impeto o una certa virtù motrice (vis motiva) di quel mobile nella direzione nella quale il motore lo muoveva, sia verso l' alto sia verso il basso, sia lateralmente sia in cerchio, e quanto più velocemente il motore muove quel mobile, tanto più forte impeto gli imprimerà. E da quell' impeto è mosso il sasso dopo che il motore ha cessato di muovere. Ma a causa della resistenza dell' aria e della gravità del sasso, che inclina in una direzione contraria a quella verso cui l' impeto muove, quell' impeto si indebolisce (remittitur) continuamente. Perciò il moto di quella pietra diventa sempre più lento, e infine quell' impeto si consuma e corrompe a tal punto che la gravità della pietra ne ha ragione e muove la pietra in basso verso il suo luogo naturale...

E se qualcuno chiederà perché proietto più lontano un sasso che una piuma, e un pezzo di ferro o piombo ben adattato alla mano che altrettanto legno, dirò che la causa di ciò risiede nel fatto che la ricezione di tutte le forme e disposizioni naturali si fa nella materia e in ragione della materia; perciò quanto più un corpo contiene di materia, tanto più, e più intensamente, può ricevere di quell' impeto. Ora, in un corpo denso e grave, a parità di tutto il resto, c' è più materia prima che in uno raro e leggero; perciò il denso e grave riceve più di quell' impeto, e più intensamente, come accade anche che il ferro possa ricevere più calore che non un' uguale quantità di legno o d' acqua... E questa è anche la causa per cui è più difficile ridurre alla quiete una grande mola di fabbro mossa velocemente che non una piccola; infatti nella grande, a parità di tutto il resto, c' è più impeto...[3] »

La teoria dell'impeto permise a Buridano di considerare superflue le "Intelligenze Motrici" che nella fisica medioevale d'ispirazione aristotelica risultavano necessarie per mantenere in moto i cieli, anche perché lo spazio esterno era da lui concepito vuoto e non pieno di materia trasparente come aveva pensato Aristotele:

« Inoltre, non apparendo dalla bibbia che ci siano intelligenze deputate a muovere i corpi celesti, si potrebbe dire che non si vede la necessità di porre tali intelligenze, poiché si potrebbe sostenere che Dio, quando creò il mondo, mosse ciascun orbe celeste come gli piacque, e muovendoli impresse in essi degli impeti che continuassero il moto senza bisogno di un suo ulteriore intervento... E quegl' impeti impressi nei corpi celesti non s' indebolivano né si corrompevano, non essendo nei corpi celesti inclinazione ad altri moti, né essendo in essi una resistenza corruttiva o repressiva di quell' impeto. Ma ciò non dico assertivamente, bensì in via ipotetica, chiedendo ai signori teologi che mi insegnino in che modo queste cose possano avvenire...[4] »

Quanto alla forma della Terra, Giovanni Buridano fu uno dei pensatori medievali che ne sostenevano la sfericità e che dovesse ruotare sul proprio asse.[5][6]

L'intelletto umano e la volontà[modifica | modifica sorgente]

Buridano si occupò dell'analisi della volontà umana, che ritenne seguisse le valutazioni dell'intelletto assicurando così la scelta giusta. Perciò egli riteneva che la volontà che dovesse decidere quale scegliere tra due beni considerati equivalenti dall'intelletto, si sarebbe trovata nella scelta in un imbarazzo tale da sospendere l'azione conseguente.[7]

Un esempio della sua tesi, che tuttavia probabilmente non è dovuto a Buridano e che ne banalizza pesantemente il pensiero[8], è il famoso apologo dell'asino che posto tra due cumuli di fieno perfettamente uguali[9][10], e alla stessa distanza non sa scegliere quale iniziare a mangiare morendo di fame nell'incertezza.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Asino di Buridano.

Opere: Edizioni antiche[modifica | modifica sorgente]

"Expositio et quaestiones" in Aristotele De Anima di Johannes Buridanus, (? 1362)
  • Summulae de Dialectica Parigi, 1487 (prima edizione edita da Thomas Bricot)
  • Quaestiones super decem libros Ethicorum Aristotelis ad Nicomachum Parigi, 1489
  • Sophismata Parigi, 1489
  • Consequentiae Parigi, 1493
  • Perutile compendium totius logicae, com Io. Dorp expositione Venezia, 1499 (con il commento di John Dorp, ristampa anastatica: Frankfurt am Main, Minerva, 1965)
  • Subtilissimae Quaestiones super octo Physicorum libros Aristotelis Parigi, 1509
  • In Metaphysicen Aristotelis Questiones argutissimae Parigi, 1518 (ristampa anastatica: Frankfurt am main, Minerva, 1965)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Lewis Wolpert, La natura innaturale della scienza, Edizioni Dedalo, 1996, p.16
  2. ^ «Per questa dottrina del moto e dell'impetus, Buridano è stato indicato tra i precursori di Leonardo e di Galileo» (In Enciclopedia Treccani alla voce corrispondente
  3. ^ Marshall Clagett, La scienza della meccanica nel medioevo, Feltrinelli 1972 pp. 564-6
  4. ^ Marshall Clagett, Op. cit. ibidem
  5. ^ Umberto Eco, Sulla letteratura, ed. Bompiani
  6. ^ Alessandro Ghisalberti, Giovanni Buridano dalla metafisica alla física, Vita e pensiero, 1975, pp.19-20
  7. ^ Sapere.it
  8. ^ «... esso non si trova negli scritti di Buridano, né corrisponde alle sue idee relativamente alla libertà, dato che piuttosto egli oscilla tra il volontarismo e l'identificazione (aristotelico-averroistica) di intelletto e volontà. È probabile che la storia, derivata da un problema del De coelo (II, 295 b 31-34), sia nata nelle discussioni di scuola, ove è documentata.» (In Enciclopedia Treccani alla voce corrispondente)
  9. ^ Enciclopedia Garzanti di Filosofia alla voce "Giovanni Buridano"
  10. ^ Secondo un'altra versione dell'apologo l'asino si trova «di fronte a due secchi, uno di acqua e uno di avena, posti alla stessa distanza da sé» (In Sapere.it)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 51683865 LCCN: n50032056