Giamblico (scrittore erotico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Giamblico, in greco Ιάμβλιχος (Siria, ... – ...), fu un romanziere greco antico di origine siriana.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Sappiamo ben poco di Giamblico. Nato in Siria, era certamente di cultura greca e forse fu maestro di retorica. Vissuto nel II secolo, era probabilmente attivo durante l’impero di Marco Aurelio.

Per noi è solo l’autore del romanzo erotico Le storie babilonesi (Βαβυλωνιακὰ). Il romanzo è perduto, ma ne resta l’epitome contenuta nel codice 94 della Biblioteca di Fozio (che gli assegna il titolo Dramaticòn) e piccoli frammenti, restituiti soprattutto da molte citazioni della Suda, che sono stati pubblicati nell’edizione citata di Habrich.

Le storie babilonesi[modifica | modifica sorgente]

Il romanzo, ambientato nei pressi di Babilonia, racconta la lunga serie di peripezie di una coppia di sposi innamorati, Rodane e Sidonide, costretti a fuggire dal re di Babilonia, Garmo, che si era invaghito della giovane. Nella lunga serie di disavventure (che si concludono felicemente con l’ascesa di Rodane al trono di Babilonia) Giamblico inserisce digressioni sulle arti magiche e su leggende e usanze mesopotamiche e include molte descrizioni erotiche che Fozio considera moderatamente oscene.

L’epitome fornisce una chiara descrizione dell’intreccio, ma non permette di giudicare le qualità letterarie di Giamblico, né lo spessore psicologico dei personaggi.

Il romanzo ebbe certamente vasta fortuna, come è provato dalle tante citazioni che ne fa la Suda.

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

  • E. Habrich, Iamblichi Babyloniacorum reliquiae, Leipzig, Teubner, 1960.
  • Photius, Bibliothèque, Tome II: Codices 84-185, Paris, Les Belles Lettres, 1934 (ristampa 1971). ISBN 2-251-32221-3

Traduzioni italiane[modifica | modifica sorgente]

  • Renzo Nuti, in: Q. Cataudella (a cura di), Il romanzo antico greco e latino, Firenze, Sansoni, 1981. ISBN 8838311587

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Traduzione inglese dell’epitome di Fozio

Controllo di autorità VIAF: 41992412 LCCN: n88029479

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie