Fritz Muliar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fritz Muliar (a sinistra), Vienna ~1974.

Fritz Muliar, pseudonimo di Friedrich Ludwig Stand (Vienna, 12 dicembre 19194 maggio 2009), è stato un attore, regista e attivista austriaco.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Origini[modifica | modifica sorgente]

Nacque a Neubau, un quartiere di Vienna, figlio di Mischa Muliar, un gioielliere ebreo di origine russa e di Leopolidine Stand, una segretaria di banca di idee socialdemocratiche. I nonni di Muliar erano cattolici osservanti e d'ispirazione nazionalista, mentre la madre era politicamente di sinistra e il suocero era ebreo. Questo segnerà la mente del giovane Friedrich, che diventerà un uomo di grande cultura cosmopolita, molto legato ad ambienti socialisti.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Ha iniziato la carriera a 16 anni dopo gli studi, entrando nel Teatro di Vienna. Fu dapprima cabarettista e conduttore radiofonico poi, durante il nazismo, si diede all'attivismo politico clandestino, ma fu costretto a rifugiarsi negli Stati Uniti per le sue idee socialiste e contrarie al regime di Hitler. Dopo la Guerra rientrò in patria e fu protagonista di oltre 100 film, ma il successo più grande giunse in tutto il mondo con Il commissario Rex, grazie al personaggio di "Max Koch", personaggio chiave, amico e confidente di Moser (Tobias Moretti).

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Nel 1955 Muliar ha sposato in seconde nozze Franziska Kalmar, prima presentatrice televisiva austriaca, dalla quale ha avuto due figli: Alexander (nato nel 1957) e Martin (nato nel 1959). Da un precedente matrimonio aveva avuto un altro figlio, Hans, morto nel 1990.

Era iscritto al Partito Socialdemocratico d'Austria e partecipava alle attività del partito.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Muliar è considerato attore etnico. Una capacità particolare è la rappresentazione di personaggi che parlano il ceco e lo yiddish. Disse di sé: «Sono ancora un interprete dell'uomo piccolo, un banchiere ebraico, lo recito, ma un Otello non devo farlo a tutti i costi. Il Lear, solo in una versione musicale.»

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze austriache[modifica | modifica sorgente]

Gran Decorazione d'Onore in Argento dell'Ordine al Merito della Repubblica Austriaca - nastrino per uniforme ordinaria Gran Decorazione d'Onore in Argento dell'Ordine al Merito della Repubblica Austriaca
— 2002
Croce d'Onore di I Classe per le scienze e per le arti - nastrino per uniforme ordinaria Croce d'Onore di I Classe per le scienze e per le arti
— 1984
Medaglia per i contributi alla liberazione dell'Austria - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per i contributi alla liberazione dell'Austria

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Croce al Merito di I Classe dell'Ordine al Merito della Repubblica Federale Tedesca (Repubblica Federale Tedesca) - nastrino per uniforme ordinaria Croce al Merito di I Classe dell'Ordine al Merito della Repubblica Federale Tedesca (Repubblica Federale Tedesca)
— 1977

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 8179944 LCCN: n/88/113948