Eryngium alpinum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Regina delle Alpi
Eryngium alpinum ENBLA01.JPG
Stato di conservazione
Status iucn3.1 NT it.svg
Prossimo alla minaccia (nt)[1]
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Rosidae
Ordine Apiales
Famiglia Apiaceae
Genere Eryngium
Specie E. alpinum
Classificazione APG
Regno Plantae
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Asteridi
(clade) Euasteridi II
Ordine Apiales
Famiglia Apiaceae
Nomenclatura binomiale
Eryngium alpinum
L. (1753)
Nomi comuni

Calcatreppola alpina
Cardo azzurro

Regina delle Alpi (nome scientifico Eryngium alpinum L.) è una pianta erbacea perenne dai fiori molto appariscenti appartenente alla famiglia delle Apiaceae.

Sistematica[modifica | modifica sorgente]

Il genere della nostra pianta (Eryngium) comprende oltre cinquanta specie, alcune delle quali (una dozzina) appartengono alla nostra flora spontanea.
Nelle classificazioni più vecchie la famiglia del genere Eryngium è chiamata Ombrelliferae ma anche Umbelliferae.

Ibridi[modifica | modifica sorgente]

Di questa specie sono segnalati alcuni ibridi :

  • Eryngium × hybridum A. Brunard (1927) : ibrido fra E. alpinum × E. campestre
  • Eryngium × zabelii Bergmans (1924) : ibrido fra E. alpinum × E. bourgatii

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Il nome del genere (“Eryngium”) fa probabilmente riferimento alla parola che ricorda il riccio : “erinaceus” (in particolare dal greco “erungion” = “eringio”); ma potrebbe anche derivare da “eruma” (= difesa), in riferimento alle foglie spinose delle piante di questo genere.
Il nome della specie (“alpinum”) deriva dalla zona d’origine dei fiori.

Morfologia[modifica | modifica sorgente]

La forma biologica della pianta è emicriptofita scaposa (H scap) : si tratta quindi di una pianta perennante tramite gemme situate sul terreno e con asse fiorale più o meno privo di foglie.

Radici[modifica | modifica sorgente]

L’apparato radicale è profondo e robusto.

Fusto[modifica | modifica sorgente]

I fusti sono solitari ed eretti. Di solito sono 3 – 4 forcati all’apice. Altezza media : 70 cm (minima : 30 cm ; massima :100 cm). Nella parte centrale il fusto presenta delle striature longitudinali violacee.

Foglie[modifica | modifica sorgente]

  • Foglie basali: le foglie basali hanno la lamina intera e sono lungamente picciolate. La forma è largamente cuoriforme – triangolare. Il bordo è grossolanamente seghettato (dentato – spinoso). Dimensione delle foglie : larghezza 10 – 15 cm; lunghezza 13 – 17 cm.
  • Foglie cauline: le foglie cauline sono sessili e progressivamente (verso l’alto) sempre più profondamente divise.

Infiorescenza[modifica | modifica sorgente]

Infiorescenza

Il colore dell’infiorescenza è verde brillante alla base e azzurro ametistino (quasi cobalto) nella parte alta (le brattee dell’ involucro). La forma è quella di un’ombrella contratta capuliniforme (capolini ovoidi cilindrici di circa 3 cm di altezza e 1,5 cm di diametro) ed è in posizione terminale sui rami principali.
Le brattee dell’ involucro sono da 12 a 20 a disposizione raggiante e consistenza rigida; sono inoltre bipennatifide (foglie composte le cui foglioline sono a loro volta pennate). I lobi di queste brattee sono setolose, quasi spinose (più esattamente sfrangiate). Lunghezza massima delle brattee : 25 cm.

Fiori[modifica | modifica sorgente]

I fiori veri e propri sono molto piccoli (2 mm) per cui la funzione vessilifera è svolta dall’ombrella. I fiori periferici sono unisessuali (oppure sterili); quelli interni (o centrali) sono ermafroditi. Entrambi sono attinomorfi e pentameri.

Frutti[modifica | modifica sorgente]

Il frutto è un achenio dalla forma di un ovoide (di circa 4 – 6 mm) ed è densamente spinoso (spinuloso o spinescente).

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

  • Geoelemento: l’origine della pianta è endemica della fascia alpina (Endem. Alpica).
  • Diffusione : in Italia è considerata una pianta rara e comunque è presente solamente sulle Alpi (orientali e occidentali, non centrali). È presente anche nella Alpi Dinariche e nel Giura.
  • Habitat : cespuglieti subalpini sassosi e zona delle megaforbiete; la specie è calciofila.
  • Diffusione altitudinale : da 1500 a 2500 m s.l.m.

Usi[modifica | modifica sorgente]

Giardìnaggio[modifica | modifica sorgente]

A causa della raccolta indiscriminata e distruttiva (per motivi ornamentali) è ora molto rara e si trova in prevalenza solamente come varietà coltivate nei vari giardini botanici.

Note[modifica | modifica sorgente]

Specie protetta !

Galleria di foto[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Eryngium alpinum in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Giacomo Nicolini, Enciclopedia Botanica Motta. Volume secondo, Milano, Federico Motta Editore, 1960, pag. 138.
  • Sandro Pignatti, Flora d'Italia. Volume secondo, Bologna, Edagricole, 1982, pag. 176, ISBN 88-506-2449-2.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica