Eduard Wagner

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eduard Wagner
Bundesarchiv Bild 146-1981-041-16A, Eduard Wagner.jpg
1 aprile 1894 - 23 luglio 1944
Nato a Kirchenlamitz
Morto a Zossen
Dati militari
Paese servito GermaniaImpero Tedesco (1915-1918)
Germania Repubblica di Weimar (1918-1933)
Germania Terzo Reich (1933-1945)

[senza fonte]

voci di militari presenti su Wikipedia

Eduard Wagner (Kirchenlamitz, 1 aprile 1894Zossen, 23 luglio 1944) è stato un ufficiale tedesco.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Wagner nacque a Kirchenlamitz, in Baviera. Dopo il servizio militare nella prima guerra mondiale, divenne membro della Reichswehr. Nella seconda guerra mondiale, prestò servizio come Quartermaster general tra il 1941 e il 1944, venendo promosso generale d'artiglieria il 1º agosto 1943. Nel maggio 1941, elaborò con Reinhard Heydrich il regolamento che assicurava la cooperazione dell'esercito e dell'Einsatzgruppen nell'uccisione degli ebrei sovietici. Sul fronte orientale, ebbe il compito di garantire l'adeguatezza dell'abbigliamento invernale fornito alle forze tedesche; il 27 novembre 1941, ha riferito "Siamo alla fine delle nostre risorse, sia di personale sia di materiale. Stiamo per confrontarci con i pericoli del pieno inverno. "

Alla fine di febbraio 1943, Otto Bräutigam del ministero del Reich per i territori orientali occupati ebbe la possibilità di leggere una relazione personale di Wagner su una discussione avuta con Heinrich Himmler, in cui Himmler aveva espresso l'intenzione di uccidere circa l'80% della popolazione di Francia e Inghilterra dopo la vittoria tedesca.[1]

Wagner era un cospiratore contro Adolf Hitler; partecipò infatti all'attentato del 20 luglio 1944: dispose l'aereo che portò Stauffenberg da Rastenburg a Berlino.[2]

Dopo il fallimento del colpo di stato, temendo il suo imminente arresto da parte della Gestapo, si suicidò sparandosi alla testa, a mezzogiorno del 23 luglio 1944.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Otto Bräutigam: „So hat es sich zugetragen...“ (Holzner Verlag,Germany 1968, Seite 590)
  2. ^ Joachim Fest, Plotting Hitler's Death: The German Resistance to Hitler, 1933-1945, Weidenfield & Nicholson, 1994, ISBN 0-297-81774-4.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Controllo di autorità VIAF: 37712180