Echi mortali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Echi mortali
Echi mortali.png
Una scena del film.
Titolo originale Stir of Echoes
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1999
Durata 99 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere horror
Regia David Koepp
Soggetto dal romanzo di Richard Matheson
Sceneggiatura David Koepp
Fotografia Fred Murphy
Montaggio Jill Savitt
Effetti speciali Roy Unger
Musiche James Newton Howard
Scenografia Susie Goulder
Costumi Leesa Evans
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Echi mortali (Stir of Echoes) è un film horror del 1999 diretto dal regista David Koepp e interpretato da Kevin Bacon, tratto dal romanzo Io sono Helen Driscoll di Richard Matheson del 1958. Ha vinto il premio come miglior film del 2000 al festival del film fantastico di Gérardmer, e nel 2007 ha avuto un sequel intitolato Stir of Echoes: The Homecoming, attualmente inedito in Italia.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Tom Witzky è un operaio, marito e padre suburbano un po' frustrato. Vive nella periferia di Chicago con la moglie Maggie ed il figlioletto Jack. La sua vita cambia radicalmente quando, durante un party, Tom si fa ipnotizzare dalla cognata Lisa per dimostrarle quanto siano false le sue teorie sul paranormale. Purtroppo la seduta di ipnosi funziona molto bene, e presto Tom non riesce più a liberarsi da alcune inquietanti visioni che lo perseguitano, tutte riguardanti una misteriosa ragazza.

Anche il piccolo Jack sembra vedere qualcosa ma, al contrario del padre, si dimostra estremamente calmo in merito. La ragazza sembra proprio essere Samantha Kozac, una giovane ritardata scomparsa tempo prima e che si ritiene fuggita. Tom comincia a credere però che piuttosto sia morta, e che il suo cadavere si trovi proprio in casa sua e comincia a scavare ovunque. Frank McCarthy e Harry Damon, vicini di casa e suoi amici, si riveleranno più coinvolti del previsto.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema