Tre millimetri al giorno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tre millimetri al giorno
Titolo originale The Incredible Shrinking Man
Autore Richard Matheson
1ª ed. originale 1956
Genere romanzo
Sottogenere fantascienza
Lingua originale inglese
Protagonisti Scott Carey

Tre millimetri al giorno (The Incredible Shrinking Man) è un romanzo di fantascienza del 1956 dello scrittore statunitense Richard Matheson.

Da esso è stato tratto il classico del cinema fantastico Radiazioni BX: distruzione uomo (The Incredible Shrinking Man, 1957).

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Durante una gita in barca, Scott Carey viene colpito da una indefinibile nube radioattiva; qualche settimana più tardi, a seguito di una visita medica, si rende conto con sgomento che sta rimpicciolendo di tre millimetri al giorno. Il romanzo ripercorre i suoi ultimi giorni: la progressiva disgregazione della sua vita, la sua lotta per la sopravvivenza in un mondo che diventa sempre più terribile e minaccioso, lo spettro incombente del giorno in cui raggiungerà la dimensione zero e a scomparire del tutto. La copertina di "Urania", di Karel Thole, lo raffigura in lotta con un ragno, divenuto ormai, per lui, un gigantesco mostro.

Trasposizioni cinematografiche[modifica | modifica wikitesto]

Quasi immediatamente dopo l'uscita del romanzo, nel 1957, la casa cinematografica Universal Pictures ne acquistò i diritti e produsse il film Radiazioni BX: distruzione uomo (titolo originale: The incredible shrinking man).

Matheson scrisse anche la sceneggiatura per un seguito, che si sarebbe dovuto intitolare The Fantastic Shrinking Girl, in cui la moglie del protagonista, Louise Carey, segue il marito nel suo microscopico mondo. Il film non fu mai prodotto, ma la sceneggiatura fu pubblicata nel 2006 dalla Gauntlet Press nell'ambito di una collezione intitolata Sogni irrealizzati (Unrealized Dreams).

Dal romanzo di Matheson fu tratto a sua volta nel 1981 il film commedia The Incredible Shrinking Woman di Joel Schumacher.[1]

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis (a cura di), The Incredible Shrinking Woman in Fantafilm. URL consultato il 5 dicembre 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]