Dryolimnas cuvieri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Rallo di Cuvier
Dryolimnas cuvieri Museum de Genève.JPG
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Gruiformes
Famiglia Rallidae
Genere Dryolimnas
Specie D. cuvieri
Nomenclatura binomiale
Dryolimnas cuvieri
(Pucheran, 1845)

Il rallo di Cuvier (Dryolimnas cuvieri Pucheran, 1845) è un uccello della famiglia dei Rallidi originario del Madagascar e dell'isola di Aldabra[2].

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Attualmente vengono riconosciute tre sottospecie di rallo di Cuvier[2], una delle quali scomparsa recentemente:

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il rallo di Cuvier misura 30–33 cm di lunghezza. I maschi pesano 145-218 g e le femmine 138-223 g[3].

È interamente di colore marrone castano, a eccezione di una sorta di piccolo «bavaglio» bianco, simile a quello presente nel ben più piccolo merlo acquaiolo comune. Ha una corporatura abbastanza esile, con zampe lunghe e dita sottili. Il collo è lungo e il becco è diritto e di colore scuro. Nelle femmine, la base di quest'ultimo è rosa, mentre nei maschi è di colore rosso scuro[4].

Una delle due sottospecie esistenti, D. c. aldabranus, è incapace di volare e tiene spesso le ali atrofizzate adese al corpo; è l'ultimo uccello con questa caratteristica presente sulle isole dell'oceano Indiano occidentale[5].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Attualmente il rallo di Cuvier è presente solamente nel Madagascar e ad Aldabra, un'isola delle Seychelles. Secondo BirdLife International, il suo areale si estende su un'area di 591.000 km² e la sua popolazione si aggira sui 5100-7500 esemplari. La sottospecie D. c. abbotti, presente su un'altra isola delle Seychelles, Assumption, si estinse agli inizi del XX secolo. La specie è scomparsa anche da Mauritius, ma è stata reintrodotta con successo su Picard, un'isola priva di gatti domestici nei pressi dell'atollo di Aldabra[1].

Abita diverse varietà di habitat, come le formazioni di mangrovie, le fitte boscaglie di Pemphis acidula, le zone cespugliose aperte e le spiagge di ciottoli e sabbia[1].

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Il rallo di Cuvier non ha abitudini migratorie. Nidifica durante la stagione delle piogge in Madagascar o a dicembre su Aldabra; durante questo periodo vive in coppie, ma per tutto il resto dell'anno ha abitudini solitarie e territoriali[1].

La dieta consiste di piccoli molluschi (ad esempio gasteropodi dei generi Melanoides e Littorina), piccoli granchi fantasma (come Ocypode cordimanus), insetti (come Ditteri, Coleotteri, termiti, uova e larve di formiche) e uova e piccoli di tartaruga verde (Chelonia mydas). Su Aldabra, si incontra spesso in compagnia dei branchi di tartarughe terrestri: infatti, si nutre degli insetti presenti sugli escrementi di questi rettili, sui loro carapaci e sulle carcasse in decomposizione[1].

Il nido è costituito da una semplice struttura di rametti e foglie posta in una depressione tra le rocce, o da una costruzione a ciotola più elaborata posta sul terreno, tra la fitta vegetazione[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f (EN) BirdLife International 2012, Dryolimnas cuvieri in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ a b (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Rallidae in IOC World Bird Names (ver 4.2), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 12 maggio 2014.
  3. ^ Joseph del Hoyo, Andrew Elliott and Jordi Sargatal, Handbook of the Birds of the World: Hoatzin to Auks, Barcelona, Lynx Edictions, 30 July 1996, 821 p. (ISBN 978-8487334207)
  4. ^ ARKive - Aldabra rail videos, photos and facts - Dryolimnas aldabranus
  5. ^ BBC News - Seychelles tortoises: Giants ruling the Aldabra lagoon

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli