Dmitrij Danilovič Leljušenko

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dmitrij Danilovič Leljušenko
Lelushenko.jpg
20 ottobre 1901 - 20 luglio 1987
Nato a Novokuznetsovka, regione di Rostov
Morto a Mosca)
Dati militari
Paese servito URSS URSS
Forza armata Armata Rossa
Specialità Truppe corazzate e meccanizzate
Anni di servizio 1919 - 1964
Grado Generale dell'Esercito
Guerre Guerra civile russa
Guerra sovietico-polacca
Guerra d'inverno
Seconda guerra mondiale
Campagne Fronte orientale
Battaglie Operazione Barbarossa
Battaglia di Mosca
Battaglia di Ržev
Battaglia di Stalingrado
Operazione Urano
Operazione Piccolo Saturno
Battaglia del Dniepr
Offensiva Lvov-Sandomierz
Vistola-Oder
Battaglia di Berlino
Decorazioni due volte Eroe dell'Unione Sovietica

[senza fonte]

voci di militari presenti su Wikipedia

Dmitrij Danilovič Leljušenko (Novokuznetsovka, 20 ottobre 1901Mosca, 20 luglio 1987) è stato un generale sovietico, attivo durante tutta la guerra sul Fronte orientale della seconda guerra mondiale.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Esperto di guerra con mezzi corazzati, Leljušenko si distinse alla testa del 21º Corpo meccanizzato fin dall'inizio dell'Operazione Barbarossa. Negli anni successivi, al comando di varie armate mostrò ancora energia, ottimismo e combattività giocando un ruolo importante nella vittoria di Mosca, nelle aspre battaglie di Ržev, durante l'Operazione Urano.

Il massimo momento di successo per Leljušenko giunse nel 1944-1945 quando, alla testa della potente 4ª Armata corazzata della Guardia, diede prova di notevoli qualità di addestratore e di grandi capacità nella conduzione di manovre con mezzi corazzati, guidando i suoi carri armati ad una serie di vittorie contro i panzer tedeschi e partecipando vittoriosamente alla marcia verso l'Oder ed alla battaglia finale di Berlino. Ottenne per due volte il prestigioso riconoscimento di Eroe dell'Unione Sovietica.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze sovietiche[modifica | modifica sorgente]

Eroe dell'Unione Sovietica (2) - nastrino per uniforme ordinaria Eroe dell'Unione Sovietica (2)
Ordine di Lenin - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Lenin
Ordine della Rivoluzione d'Ottobre - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Rivoluzione d'Ottobre
Ordine della Bandiera Rossa (4) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Bandiera Rossa (4)
Ordine di Suvorov di I Classe (2) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Suvorov di I Classe (2)
Ordine di Kutuzov di I Classe (2) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Kutuzov di I Classe (2)
Ordine di Bogdan Chmel'nyc'kyj di I Classe - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Bogdan Chmel'nyc'kyj di I Classe
Ordine della Guerra Patriottica di I Classe - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Guerra Patriottica di I Classe
Ordine del Servizio alla Patria nelle Forze Armate di III Classe - nastrino per uniforme ordinaria Ordine del Servizio alla Patria nelle Forze Armate di III Classe
Medaglia per il giubileo dei 20 anni dell'Armata Rossa dei lavoratori e dei contadini - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per il giubileo dei 20 anni dell'Armata Rossa dei lavoratori e dei contadini

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Eroe della Cecoslovacchia (Cecoslovacchia) - nastrino per uniforme ordinaria Eroe della Cecoslovacchia (Cecoslovacchia)
— 28 aprile 1970
Ordine di Klement Gottwald (Cecoslovacchia) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Klement Gottwald (Cecoslovacchia)
— 28 aprile 1970

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Armstrong R.N. - Red Army tank commanders, Schiffer publishing 1994.
  • Beevor A. - Berlino 1945,Rizzoli 2002.
  • Erickson J. - The road to Berlin , Cassel 1983.
  • Read A./Fisher D. - La caduta di Berlino,Mondadori 1995.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]