Dino Boschi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Dino Boschi (Bologna, 1923) è un pittore, disegnatore e incisore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Terminato il liceo artistico nel 1942, si iscrive al corso di decorazione dell’Accademia di Belle Arti di Bologna, nel 1943 interrompe gli studi a causa della guerra. Finita la guerra, riprende a frequentare l’Accademia. È assistente del suo insegnante del liceo e in seguito del suo professore di scenografia Nino Bertocchi.

Con Leonardo Cremonini apre uno studio a Bologna nel quale dipinge paesaggi della campagna bolognese, nature morte e figure. Si occupa di grafica pubblicitaria con Luciano Damiani, progettando cartelloni e manifesti.[1]
Nel 1955 si avvicina alla politica pubblicando vignette satiriche. Tra il ’55 e il ‘64 collabora con i settimanali "Nuova Repubblica” di Firenze e “La Squilla” di Bologna, col mensile “Il Ponte" di Firenze e col quotidiano ”Avanti!” di Milano.[2]
In questi anni, a Bologna, sulla scia delle avanguardie e dell’informale, si diffonde il neonaturalismo[3]. Boschi non aderisce a questa corrente ma trae ispirazione dall’esperienza europea di Bacon e Giacometti. Dipinge paesaggi e nature morte con un’impostazione sempre meno naturalistica e più concettuale. Nelle sue opere iniziano ad apparire elementi di Pop Art, Nuova Figurazione e Iperrealismo.[4].

Le opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Insurrezioni algerine
  • Partite di football
  • Spiagge
  • Stazioni
  • Litografie
  • Interni esterni

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pasquali, 1982, pp. 1-12.
  2. ^ Pasquali, 1982, p.60.
  3. ^ "Versione padana dell'informale" cfr. Alfonso Frasnedi
  4. ^ Buscaroli 2008, pp.19-20.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV., Dino Boschi Trent'anni di pittura: 1965 - 1995(catalogo), Galleria Forni, Bologna, 1997.
  • Franco Basile, Dino Boschi (1999 - 2000 - 2001), Arte e Arte, Bologna, 2001.
  • Germano Beringheli, Dino Boschi, Grafis, Bologna, 1983.
  • Beatrice Buscaroli (a cura di), Dino Boschi, Graphic Art Gallery, Bologna, 2008.
  • Tristano Codignola; Romeo Forni,Dino Boschi grafica e satira,La Squilla, Bologna, 1979.
  • Tiziano Forni (a cura di), Dino Boschi spiagge 1970 - 2004, Bologna, catalogo Galleria Forni, 2004.
  • Emilio Isgrò, Le strade popolate di vuoto,"La Stampa", 6 maggio 1973, Milano.
  • Maria Luigia Guaita, Trenta acquarelli recenti, Presentazione del catalogo per la mostra presso la Galleria Il Bisonte, Firenze, 1997.
  • Dario Micacchi, Mostre a Roma: Dino Boschi - Un'estate allarmata,"L'Unità", 10 maggio 1972, Roma
  • Marilena Pasquali, Dino Boschi gli anni della formazione, Grafis,Bologna, 1982.
  • Vittorio Sgarbi, Tutto il mondo in una stanza, "L'Europeo", 13-14 aprile 1994, Milano.
  • Franco Solmi (a cura di), Dino Boschi(catalogo della mostra antologica), Galleria d'Arte Moderna, Bologna, 1981.