Guglielmo Pizzirani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Guglielmo Pizzirani (Bologna, 18861971) è stato un pittore e insegnante italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Frequenta l'Istituto di Belle Arti sotto la guida del Gorini e del Ferri e già in questo periodo collabora validamente ad attività di restauro e decorazione su monumenti della sua città.

Dal 1909 si dedica all'insegnamento ed è presente alle tre Secessioni Romane ('13- '14- '15). Nel 1920 comincia a partecipare, su invito, alle Biennali di Venezia e nello stesso anno la Società "Francesco Francia" allestisce la sua prima personale. Nel 1931 iniziano, invece, le numerose partecipazioni alle Quadriennali di Roma.

Nel 1965 riceve la medaglia d'oro e il diploma per benemerenza per i meritevoli dell'arte e della cultura del Ministero della Pubblica Istruzione[1] e diversi premi dalla Provincia di Bologna.

Muore nel 1971, ma anche dopo la sua scomparsa sono moltissime le sue opere inserite in importanti rassegne e manifestazioni, nonché le mostre personali antologiche.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Medaglia d'oro ai benemeriti della cultura e dell'arte - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro ai benemeriti della cultura e dell'arte
— 2 giugno 1965.[1]
Grande Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 2 giugno 1969. Su proposta del Presidente del Consiglio dei ministri.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Medaglia d'oro ai benemeriti della cultura e dell'arte a Guglielmo Pizzirani
  2. ^ Grande Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana a Guglielmo Pizzirani

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • AA.VV., Guglielmo Pizzirani 1886-1971, Bologna, Associazione Bologna per le Arti, 2010.