Dermaptera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Dermatteri
Forficula auricularia.jpg
Forficula auricularia
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Exopterygota
Subcoorte Neoptera
Superordine Polyneoptera
Sezione Orthopteroidea
Ordine Dermaptera
De Geer, 1773
Famiglie

Sottordine Archidermaptera

estinto

Sottordine Forficulina

Pygidicranidae
Diplatyidae
Anisolabididae
Labiduridae
Apachyidae
Spongiphoridae
Chelisochidae
Forficulidae

Sottordine Hemimerina

Hemimeridae

Sottordine Arixenina

Arixeniidae

I Dermatteri (Dermaptera De Geer, 1773) sono un ordine di insetti che comprende circa 1.800 specie raggruppate in 3 sottordini (Forficuloidea, Arixenioidea, Diploglossata) e 10 famiglie. Comunemente sono note con il nome di "forbicine".

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Sono insetti dalla forma appiattita e allungata, con esoscheletro abbastanza consistente. Le antenne sono piuttosto brevi e filiformi, l'apparato boccale è del tipo masticatorio. Le ali possono essere assenti oppure presenti, sclerificate e ridotte le anteriori, grandi membranose e di conformazione particolare quelle posteriori; l'addome presenta caratteristiche appendici a forma di pinza, dette cerci, generalmente diritte nelle femmine e ricurve nei maschi, usate come organi di difesa o di presa durante l'accoppiamento.[1] I maschi di alcune famiglie (Diplatyidae, Pygidicranidae, Anisolabididae, Apachyidae e Labiduridae) sono dotati di un doppio pene.[2]

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Sono insetti eterometaboli, cioè gli stadi giovanili, già all'uscita dall'uovo, hanno una morfologia simile a quella dell'adulto.
Il regime dietetico è onnivoro: si nutrono prevalentemente di foglie, fiori e frutti ma possono anche predare piccoli insetti (adulti e larve) e nutrirsi di animali morti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dermatteri in Legambiente Arcipelago Toscano - Biodiversità. URL consultato il 20 novembre 2012.
  2. ^ Palmer A.R, Evolutionary biology: Caught right-handed in Nature 2006; 444: 689-692, doi:10.1038/444689a.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • J. D. Taylor. The earwig: the truth about the myth. Rocky Mountain Medical Journal, 1978: 75, 37-38
  • Beier M.- Ordnung Dermaptera - in: Bronns - Klassen u. Ordn.Tierreich, VI, 3.Lipsia,1959

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi