Derailed - Attrazione letale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Derailed - Attrazione letale
Derailed - Attrazione letale.jpg
Jennifer Aniston e Clive Owen in una scena del film
Titolo originale Derailed
Lingua originale Inglese
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 2005
Durata 103 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico, thriller
Regia Mikael Håfström
Soggetto James Siegel
Sceneggiatura Stuart Beattie
Produttore Lorenzo di Bonaventura
Fotografia Peter Biziou
Montaggio Peter Boyle
Effetti speciali Ryan Evans
Musiche Edward Shearmur
Scenografia Andrew Laws
Costumi Natalie Ward
Trucco Jenny Sharpe, Carmel Jackson, Chelo, Jean Ann Black
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Derailed - Attrazione letale (Derailed) è un film del 2005 diretto da Mikael Håfström, ed interpretato da Clive Owen, Jennifer Aniston, Vincent Cassel, Melissa George ed Addison Timlin nella sua prima apparizione cinematografica.

Il film è tratto da un romanzo di James Siegel.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Charles Schine è un padre di famiglia felicemente sposato con un buon lavoro sulle spalle e prende tutti i giorni il treno per andare a lavorare. Un giorno, perde però il treno e ne prende un altro dove incontra Lucinda Harris, donna bella e affascinante, sposata e anche essa madre. Fin dai primi istanti, i due rimangono attratti l'uno dell'altra, si invaghiscono e iniziano una relazione clandestina.

Una sera, i due decidono di andare in un motel di passaggio per fare l'amore ma il rapporto sessuale viene interrotto da LaRoche, un rapinatore, che irrompe nella loro stanza, li minaccia, li deruba, picchia Charles fino a farlo svenire, violenta Lucinda e se ne va.

La drammatica esperienza conclude la loro relazione. Entrambi si sentono colpevoli e non desiderano mai più rivedersi.

Charles vorrebbe chiamare la polizia ma Lucinda, sposata con un uomo ricchissimo, non è d'accordo, per paura di perdere la sua agiatezza e per evitare che le loro famiglie scoprano la loro relazione.

Da questo momento, la vita di Charles diventa un incubo: La Roche lo rintraccia dai documenti e inizia a ricattarlo. Dalle parole di Lucinda, Charles è costretto a sottostare al ricatto e gli consegna ventimila dollari.

Ma dopo un po' di tempo, LaRoche continua con i ricatti chiedendogli centomila dollari, promettendo che sia l'ultimo ricatto.

Non sapendo come reagire, Charles si confida con Winston, il ragazzo che consegna la posta nel suo ufficio, ex detenuto, che promette di aiutarlo in cambio di diecimila dollari. LaRoche si dimostra ancora più scaltro e, prevedendo le mosse del duo, uccide Winston, rinnovando le minacce e l'altissima richiesta di denaro a Charles che, dopo un po', decide di nascondere il cadavere di Winston dentro ad un fiume.

Un giorno, Charles riceve una chiamata da LaRoche, in cui minaccia di morte Lucinda se non porterà subito il denaro. Non avendo più tempo da perdere, Charles è costretto a sottrarre i soldi messi da parte per la malattia della figlia e a consegnarli a LaRoche che lascia l'appartamento di Lucinda assieme al suo complice, Dexter.

Il cadavere di Winston viene trovato e lo zio, poliziotto, indaga sull'omicidio e incalza Charles convocandolo nel suo ufficio assieme al suo avvocato.

Disperato, la mattina dell'incontro Charles decide di rintracciare Lucinda per farle sapere che sarà costretto a raccontare quanto accaduto alla polizia.

Tuttavia, quella mattina, scopre che lei gli ha detto numerose bugie: non è capo di un'agenzia, ma è una precaria; il suo nome non è Lucinda, ma Jane (Lucinda Harris è il nome del suo ex capo, poiché si è licenziata); non ha una figlia (la cui foto mostrata dalla ragazza a Charles, è una foto da copertina di una rivista) e soprattutto... è complice ed amante di LaRoche.

Questa scoperta fa capire che tutto questo tempo non ha fatto che usare Charles per avere il suo denaro e che l'aggressione al motel era stata pianificata proprio per costringerlo a subìre il successivo ricatto.

Intanto Lucinda sta replicando la stessa trama con un'altra vittima ignara e Charles decide di ribellarsi sventando l'aggressione di LaRoche. Entra nella stanza dove rivela di aver scoperto tutto il gioco di Lucinda che, nel tentativo di fermare le acque, chiede a LaRoche di ridare il denaro a Charles che però rifiuta. Esplode una violenta sparatoria, dove interviene anche Dexter, che porta alla morte Lucinda, LaRoche, Dexter e la nuova vittima della coppia.

Charles riesce a non farsi coinvolgere e, addirittura, recupera dalla cassaforte dell'hotel la borsa con i centomila dollari.

I problemi per Charles nono sono ancora finiti poiché viene accusato di furto dal momento che i diecimila dollari consegnati a Winston erano stati indebitamente sottratti da un fondo spese interno: viene infatti condannato dai servizi sociali a fare l'insegnante in un carcere.

Qui si ritrova a correggere un tema che racconta tutte le sue disavventure. Spinto dall'ultima frase ad andare in lavanderia, Charles vi trova un furioso LaRoche, in realtà sopravvissuto alla sparatoria nel motel, che ancora una volta lo minaccia, ma Charles è solo in apparenza stupito: dopo una breve colluttazione, estrae un coltello ed uccide il criminale, detenuto nella prigione dove lui stesso, in realtà a conoscenza di tutto, si era fatto inviare.

All'uscita, dopo aver dichiarato di essere stato aggredito da LaRoche mentre si recava al bagno, incontra lo zio di Winston.

Costui gli dice che se il coltello fosse stato portato in carcere da Charles si sarebbe trattato di omicidio premeditato e che alla legge non sarebbe importato nulla della fedina penale della vittima.

Ma, in fondo, alla stessa legge non importava nulla nemmeno del povero Winston e Charles adesso può finalmente tornare a casa per continuare la sua vita coniugale.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema