Davide Liani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Davide Liani (Camino al Tagliamento, 22 novembre 1921Venezia, 18 agosto 2005) è stato un compositore e musicista italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nasce a Camino al Tagliamento, piccolo paese friulano in provincia di Udine.

Inizia gli studi musicali nella scuola diocesana S.Cecilia di Udine e li continua per quattro anni a Roma. Si trasferisce quindi al conservatorio B.Marcello di Venezia dove, sotto la direzione di Gian Francesco Malipiero, si diploma in pianoforte, musica corale e composizione. Al termine degli studi veneziani la sua attività di musicista si sposta all'estero.

Rientra a Venezia nel 1970 per ricoprire l'incarico di docente di canto corale al Conservatorio Benedetto Marcello e di maestro sostituto al Teatro La Fenice. Nel 1973 Liani dà vita a Venezia ai Piccoli Cantori Veneziani per coprire una mancanza formativa musicale di base in città.[senza fonte] Nell'anno successivo fonda la formazione dei Cantori Veneziani per dare compimento al suo progetto.

Tra gli anni ottanta e il 2000 dirige la Corale Caminese di Camino al Tagliamento (suo paese nativo) dove fonda anche una scuola di musica e organizza master di perfezionamento per musicisti. Dal 1981 al 1992 dirige vari conservatori d'Italia, tra cui Palermo e lo stesso Conservatorio B.Marcello di Venezia dal 1986 al 1992.

Molteplici sono i suoi interessi musicali e socioculturali. È attivo nel settore pedagogico musicale con corsi, composizioni didattiche e trascrizioni di opere in lingua straniera. In questo ambito, copre per quattro anni la carica elettiva di direttore ordinario della International Kodaly Society di Budapest. Si interessa di etnomusicologia organizzando e partecipando a vario titolo a rassegne di studio. Nel 1977 è relatore al convegno internazionale di etnomusicologia di Halifax presentando la pubblicazione Polifonia Friulana come risultato di una indagine comparata fra la musica aquileiese e il canto popolare friulano.

Maestro di coro appassionato opera nei vari settori della pratica corale (oratoriale, lirica e spontanea) dirigendo concerti in Italia e all'estero. Numerose sono le sue composizioni e trascrizioni corali che vanno dalla cultura popolare a quella dotta.

Le sue composizioni più recenti si richiamano ad una ispirazione arcaica e di contenuti biblici su testo latino per soli coro e orchestra, ove il coro è quasi sempre il principale protagonista (Messa "Hodie Christus Natus Est", Oratorio Pasquale, Le Sette Trombe Della Apocalisse, Le Trombe Di Gerico, I Sette Vizi Capitali)